Tariffa D1 pompe di calore: 2017

Enel Tariffa D1La mia fornitura di energia elettrica e’ in mercato libero con la tariffa D1 Enel Energia: cosa vuole in pratica la tariffa D1 ?

La riforma delle tariffe elettriche sta estendendo a tutte le utenze domestiche il concetto di tariffa non progressiva, ovvero costo unitario dell’energia elettrica indipendente dal livello dei consumi elettrici.

Suggerisco questa lettura preliminare: Pompa di calore, quanto consuma e come cambia la spesa con la nuova tariffa.

Per chi aveva optato come per la tariffa sperimentale D1 per pompe di calore, dal 1° gennaio 2017 viene applicata la nuova tariffa TD non progressiva (che entrerà in vigore per tutti solo dal 2018).

Tariffa D1 Enel Energia

Partiamo dai dati della mia fornitura e dai consumi effettuati (ricordo che ho l’opzione con consumati bimestrali di 800 kWh con eventuale conguaglio delle differenze una volta l’anno):

Tariffa D1 Enel EnergiaTariffa D1 Enel Energia

Possiamo ora confrontare l’ultima bolletta ricevuta relativa al periodo Febbraio 2017 – Marzo 2017 (che include tutti gli effetti della riforma tariffaria):

Tariffa D1 Enel Energia

Con la bolletta relativa al periodo Ottobre 2016 – Novembre 2016 (che non aveva ancora la riforma tariffaria):

Tariffa D1 Enel Energia

Sommario

Possiamo fare uno specchietto sintetico riepilogativo che confronta, relativamente alla mia tariffa D1 Enel Energia, le variazioni

Tariffa D1 Enel Energia

Direi un bel risparmio proiettato sui costi elettrici annuali !

Dettagli

Per chi fosse interessato ai dettagli delle nuove tariffe elettriche aggiornata, aggiungo anche la sezione di dettaglio della bolletta relativa al periodo Febbraio 2017 – Marzo 2017:

Tariffa D1 Enel Energia

Scambio Sul Posto: bilancio 2016

Per la terza volta, e’ finalmente giunta la pubblicazione sul sito GSE del bilancio effettivo dello scambio sul posto per l’anno 2016:

Si vede che l’importo effettivo per l’intero anno 2016, che mi verrà accreditato a giugno 2017, e’ pari a 261,4 Eur.

Vediamo il dettaglio del calcolo effettuato dal GSE:

  • Energia elettrica prelevata anno 2016: 4.931 kWh
  • Energia elettrica immessa anno 2016: 1.254 kWh

Da cui:

Energia elettrica scambiata = min (Energia elettrica prelevata; Energia elettrica immessa)

Energia elettrica scambiata anno 2016 = min (4.931; 1.254) = 1.254 kWh

A questo punto vengono valorizzati (in Euro) i seguenti valori di energia:

CEI = Valore Energia elettrica immessa (@ 0,042 Eur/kWh)
OE = Costo Energia elettrica prelevata (@ 0,046 Eur/kWh)
Recupero Utilizzo Rete = Valore Energia elettrica scambiata (@ 0,167 Eur/kWh)

Nel mio caso:

CEI anno 2016 = 0,042 * 1.254 = 52,6 Eur
OE anno 2016 = 0,046 * 4.931 = 228,6 Eur
Recupero Utilizzo Rete anno 2016 = 0,167 * 1.254 = 208,8 Eur

Il contributo SSP viene infine calcolato nel modo seguente:

Contributo SSP = Recupero Utilizzo Rete + min (CEI; OE) + max [0; min( 0; OE – CEI)]

Nel mio caso:

Contributo SSP anno 2016 = 208,8 + min (52,6; 228,6) + max[0; min( 0; 228,6 – 52,6)] = 261,4 Eur

Come lo scorso anno, la grossa parte del contributo sta nel recupero utilizzo rete, ovvero nell’energia elettrica scambiata, nel mio caso valorizzata a 0,167 Eur/kkWh.

ATTENZIONE: il valore unitario dell’energia elettrica scambiata (chiamato corrispettivo unitario per l’energia scambiata CUsf) dipende moltissimo dal proprio caso specifico, in particolare da:

  • Energia elettrica prelevata
  • Energia elettrica immessa
  • Tariffa elettrica

Quindi non provate ad applicare in modo piatto i miei valori unitari al vostro caso, ma verificate i vostri dati specifici.

Con questo scopo, volendo fare il calcolo di dettaglio, poiché anche quest’anno sul sito di GSE erano presenti tutti i dati, ho anche aggiornato Scambio Sul Posto: la mia guida definitiva (per quest’anno).

Verifichiamo se rimane ancora che Scambio Sul Posto ha un rendimento molto elevato come accumulo di energia elettrica.

Osservando i miei numeri, si vede come 1.254 kWh scambiati (immessi in rete e poi riutilizzati) abbiano fruttato 261,4 Eur.

Detto in altre parole, confrontando quanto mi farebbe risparmiare 1 kWh autoconsumato oppure scambiato con la rete:

1 kWh scambiato => 0,208 Eur

1 kWh autonsumato => 0,235 Eur (costo bolletta dic-16 / gen-17)

Nel 2016, per la mia casa elettrica, il rendimento come accumulo dello SSP e’ stato dell’87% !

E’ importante precisare alcuni aspetti:

  • le tariffe elettriche stanno cambiando per cui queste valutazioni vanno riviste nel tempo
  • i miei dati rappresentano quelli di una casa elettrica con impianto fotovoltaico sottodimensionato al nord Italia – i risultati potrebbero essere ulteriormente favorevoli con un impianto fotovoltaico di maggiori dimensioni nelle zone del centro o sud Italia
  • continuo ad avere dei dubbi sullo tariffa utilizzata dal GSE nel calcolo del corrispettivo unitario per l’energia scambiata (i primi 3 mesi D2 e poi D3) rispetto alla mia tariffa D1 per pompe di calore … vedremo !

Scambio Sul Posto: bilancio 2015

elefante-step1a

Con la pubblicazione dei dai sul sito di GSE siamo al secondo anno di bilanci effettivi sullo scambio sul posto.

Tre mesi fa, in Scambio Sul Posto: ma quanto mi rendi ?, avevo previsto che il 2015 il contributo in conto scambio sarebbe stato di 210 Eur.

Vediamo il dato effettivo.

Questo e’ il riepilogo degli addebiti ed accrediti finora effettuati dal GSE nel corso del 2016:

GSE

 

Si vede che l’importo effettivo per l’intero 2015, che mi verrà accreditato a giugno 2016, e’ pari a 237,72 Eur.

Passiamo ora ai dati, fonte GSE, sui quali e’ stato effettuato il conteggio:

  • Energia elettrica prelevata anno 2015: 4.800 kWh
  • Energia elettrica immessa anno 2015: 933 kWh

Da questi viene calcolata:

Energia elettrica scambiata = min (Energia elettrica prelevata; Energia elettrica immessa)

Nel mio caso:

Energia elettrica scambiata anno 2015 = min (4.800; 933) = 933 kWh

A questo punto vengono valorizzati (in Euro) i 3 valori di energia:

CEI = Valore Energia elettrica immessa (@ 0,054 Eur/kWh)
OE = Costo Energia elettrica prelevata (@ 0,056 Eur/kWh)
Recupero Utilizzo Rete = Valore Energia elettrica scambiata (@ 0,198 Eur/kWh)

Nel mio caso:

CEI anno 2015 = 0,057 * 933 = 53 Eur
OE anno 2015 = 0,055 * 4.800 = 263 Eur
Recupero Utilizzo Rete anno 2015 = 0,198 * 933 = 185 Eur

Il contributo SSP viene infine calcolato nel modo seguente:

Contributo SSP = Recupero Utilizzo Rete + min (CEI; OE) + max (0; min( CEI; OE))

Nel mio caso:

Contributo SSP anno 2015 = 185 + 53 + 0 = 238 Eur

I miei numeri incredibilmente tornano !

ATTENZIONE: il valore unitario dell’energia elettrica scambiata (chiamato corrispettivo unitario per l’energia scambiata CUsf) dipende moltissimo dal proprio caso specifico, in particolare da:

  • Energia elettrica prelevata
  • Energia elettrica immessa
  • Tariffa elettrica

Quindi non provate ad applicare in modo piatto i miei valori unitari.

Volendo fare il calcolo di dettaglio, poiché quest’anno sul sito di GSE erano presenti tutti i dati, ho anche aggiornato Scambio Sul Posto: la mia guida definitiva (per quest’anno).

Chiudiamo con una conclusione davvero importante: ad oggi lo Scambio Sul Posto ha un rendimento molto elevato come accumulo di energia elettrica.

Osservando i numeri, si vede come 933 kWh scambiati (immessi in rete e poi riutilizzati) abbiano fruttato 238 Eur.

Detto in altre parole, confrontando quanto mi farebbe risparmiare 1 kWh autoconsumato oppure scambiato con la rete:

1 kWh autonsumato => 0,248 Eur (costo bolletta)

1 kWh scambiato => 0,255 Eur

Nel 2015, per la mia casa elettrica, il rendimento come accumulo dello SSP e’ stato del 103% !!! Altroché qualsiasi accumulo fotovoltaico.

Scambio Sul Posto: ma quanto mi rendi ?

legge_bilancia

Ho recentemente pubblicato un articolo che sintetizzava il bilancio economico degli ultimi 12 mesi: Casa Elettrica: ma quanto mi costi ?

Ha suscitato, giustamente, qualche dubbio poiché compariva il contributo GSE (Gestore Servizi Energetici) per lo Scambio Sul Posto (SSP) relativo all’anno 2014 (accreditato a giugno 2015). Vediamo di fare chiarezza.

Suggerisco innanzitutto di leggere Scambio sul posto: calcolo con esempio pratico.

Questo e’ il riepilogo degli addebiti ed accrediti fatti dal GSE nel corso del 2015:

dettaglio

Corrispondenti a due accrediti sul mio conto corrente:

  • 363,48 Eur a giugno 2015
  • 36,96 Eur ad ottobre 2015

per un totale di 400,44 Eur corrisposti nel 2015.

Passiamo ora ai dati, fonte GSE, sui quali e’ stato effettuato il conteggio:

  • Energia elettrica prelevata anno 2014: 4.435 kWh
  • Energia elettrica immessa anno 2014: 1.755 kWh

Da questi viene calcolata:

Energia elettrica scambiata = min (Energia elettrica prelevata; Energia elettrica immessa)

Nel mio caso:

Energia elettrica scambiata anno 2014 = min (4.435; 1.755) = 1.755 kWh

A questo punto vengono valorizzati (in Euro) i 3 valori di energia:

CEI = Valore Energia elettrica immessa (@ 0,054 Eur/kWh)
OE = Costo Energia elettrica prelevata (@ 0,056 Eur/kWh)
Recupero Utilizzo Rete = Valore Energia elettrica scambiata (@ 0,174 Eur/kWh)

Nel mio caso:

CEI anno 2014 = 0,054 * 1.755 = 96 Eur
OE anno 2014 = 0,056 * 4.435 = 248 Eur
Recupero Utilizzo Rete anno 2014 = 0,174 * 1.755 = 305 Eur

Il contributo SSP viene infine calcolato nel modo seguente:

Contributo SSP = Recupero Utilizzo Rete + min (CEI; OE) + max (0; min( CEI; OE))

Nel mio caso:

Contributo SSP anno 2014 = 305 + 96 + 0 = 401 Eur

I numeri incredibilmente tornano !

Visto che c’ero ho anche simulato in contributo che avrò per il 2015 e che dovrebbe essere pari a circa 210 Eur (dimezzato a causa del maggiore autoconsumo).

Spero di aver fornito una utile guida pratica all’astruso calcolo del contributo SSP.