Sensore di movimento WiFi, Zigbee, Z-Wave | Rilevatore di presenza WiFi

Sensore di movimento WiFi, Zigbee, Z-Wave | Rilevatore di presenza WiFi

Nel mare di dispositivi intelligenti ho trovato ed utilizzato un sensore di movimento WiFi a basso costo compatibile con l’app Smart Life. Scopri come funziona e come ho utilizzato il rilevatore di presenza WiFi come interruttore crepuscolare per l’accensione luci nel mio garage. In alternativa un sensore di movimento Zigbee o Z-Wave.

Sensore di movimento

I rilevatori di movimento wireless servono a rilevare la presenza di persone nell’ambiente in cui viene installato magari per l’accensione luci oppure per creare una “barriera invisibile” sulle finestre, facendo scattare un allarme.

I sensori di movimento prevedono l’utilizzo di tre tipologie di tecnologie per la rilevazione:

  • infrarosso (PIR): utilizzando la luce infrarossa, il sensore rileva una variazione di temperatura; quindi quando una persona entra nell’area monitorata, il calore corporeo attiva il sensore che fa scattare il sensore
  • doppia tecnologia (PIR + DMT): combinazione di infrarosso + DMT, ovvero rilevamento a fasci. E’ una caratteristica che riduce la possibilità di falsi allarmi e garantisce rilevazioni molto accurate.
  • tripla tecnologia (infrarosso + DMT + microonda MW): questa tipologia di sensore utilizza ben tre tecnologie di rilevamento e può essere installato anche in presenza di animali domestici. Con il rilevamento a microonde il sensore riesce a rilevare la presenza di un corpo in movimento all’interno dell’area monitorata. Garantisce altissima affidabilità e immunità ai falsi allarmi.

Per la domotica WiFi a basso costo e’ sufficiente l’utilizzo di un sensore di movimento ad infrarosso (PIR) per l’accensione luci.

Sensore di movimento radio, WiFi, Zigbee o Z-Wave

Un sensore di movimento per il suo funzionamento necessita di una certa quantità di energia per quanto minima: può essere assicurata solamente da una batteria nel caso di un sensore di movimento wireless.

Per la trasmissione degli eventi del sensore ad altri componenti di un sistema di domotica o di allarme sono utilizzate tre tecnologie:

  • radio: richiede un dispositivo radio ricevente (che potrebbe ulteriormente funzionare da gateway verso dei servizi in cloud)
  • WiFi: il rilevatore di presenza si connette attraverso il router WiFi di casa a dei servizi in cloud
  • Zigbee o Z-Wave: il sensore di movimento si collega via radio ad un gateway con standard Zigbee oppure Z-Wave che a sua volta può abilitare il collegamento via internet ai servizi in cloud

Nel diagramma seguente sono esplicitati i flussi di comunicazione per produrre una notifica su smartphone nelle tre tipologie di sensore di movimento:

Sensore di movimento WiFi Zigbee Z-Wave
Sensore di movimento WiFi Zigbee Z-Wave

Un sensore di movimento WiFi ha qualche punto di attenzione:

  • c”e’ un piccolo tempo di ritardo per stabilire la connessione al router WiFi prima e poi ai servizi in cloud
  • la connessione WiFi consuma più energia rispetto a quella via radio per cui le batterie potrebbero avere una durata inferiore
  • non richiede un hub radio aggiuntivo

Il vantaggio di un sensore di movimento Zigbee o Z-Wave e’ di poter operare anche in assenza di collegamento ad internet.

Poiché in un’applicazione di domotica i tempi di ritardo sono sostanzialmente trascurabili, un sensore di movimento WiFi nella maggior parte dei casi può essere la soluzione più versatile.

Integrando anche una sirena WiFi e dei sensori a contatto per porte e finestre WiFi potremmo anche realizzare un semplice antifurto smart senza necessita’ di una centralina dedicata:

Nel caso di utilizzo con un antifurto wireless l’alimentazione elettrica dei componenti riceventi e la connettività internet diventano dei fattori critici, per cui valutate delle soluzioni fai da te più complete come approfondito nel mio articolo sul miglior antifurto smart.

Sensore di movimento WiFi NEO

Approfondiamo il sensore di movimento WiFi NEO che ho acquistato:

Sensore di movimento WiFi NEO

Le caratteristiche principali di questo rilevatore di presenza WiFi sono le seguenti:

  • Angolo di rilevamento: 110°
  • Distanza di rilevamento: 7 metri
Rilevatore di presenza WiFi NEO
  • Batteria: formato CR123A durata tra 1 anno (25 eventi / giorno) e 2 anni (10 eventi / giorno)
  • Dimensioni: 50 mm x 48 mm x 48 mm
Rilevatore di presenza WiFi NEO
Rilevatore di presenza WiFi NEO
  • Collegamento in rete mediante WiFi a 2,4 GHz
  • Gestione da qualsiasi luogo mediante smartphone con l’app Smart Life, disponibile per Android e iOS
  • Scenari di integrazione avanzata mediante IFTTT

Attenzione: a differenza di quanto indicato dal venditore su Amazon.it, sensore di movimento WiFi NEO non e’ compatibile con Alexa e Google Home. Dovrete dunque ricorrere a Smart Life e IFTTT.

Unboxing rilevatore di presenza WiFi NEO e configurazione con Smart Life

All’interno della confezione del rilevatore di presenza WiFi NEO sono presenti:

Rilevatore di presenza WiFi NEO
  • sensore di movimento WiFi (inclusa la batteria CR123A)
  • supporto per il montaggio
  • etichetta adesiva, viti e tasselli per l’installazione

Per l’accensione basta tirare la fascetta in plastica che comporta il reinserimento della batteria.

Per la configurazione iniziale occorre aver installato l’app Smart Life sul vostro smartphone: nel caso dobbiate farlo per la prima volta vi raccomando la lettura della mia guida a Smart Life.

La procedura di accoppiamento del sensore di movimento WiFi con Smart Life richiede di aprirlo:

Sensore di movimento WiFi NEO

E poi di premere il pulsante all’interno per circa 6 secondi fino a quando il LED non comincia a lampeggiare rapidamente:

Siamo finalmente pronti ad eseguire la procedura di accoppiamento del dispositivo con Smart Life:

Mediante l’app Smart Life possiamo configurare le notifiche di movimento rilevato dal sensore di movimento WiFi e verificarne lo storico:

Il montaggio e’ particolarmente semplice ed il risultato molto pulito e poco invasivo:

Rilevatore di presenza WiFi NEO Smart Life

Rilevatore di presenza WiFi NEO: accensione luci automatica con interruttore crepuscolare

Utilizzando un interruttore WiFi eMylo comanderemo l’accensione luci del mio garage in modo automatico alla rilevazione di un movimento nella fascia oraria notturna compresa tra tramonto ed alba.

Interruttore WiFi eMylo

Lo spegnimento delle luci sara’ altrettanto automatico trascorsi 20 minuti dall’ultima accensione luci.

Per raggiungere il risultato basta creare due scenari di automazione su Smart Life:

Scenario Smart Life

che realizzano rispettivamente:

  • Scenario Movimento Crepuscolare: accensione luci quando viene rilevato un movimento tra tramonto ed alba
  • Scenario Ritardo Spegnimento: spegnimento luci trascorsi 20 minuti dall’accensione luci
Scenario Smart Life Accensione Luci Sensore di Movimento WiFi NEO crepuscolare

E’ più lungo dirlo che farlo in pratica !

Per approfondire puoi leggere la mia guida a Smart Life.

Sensore di movimento WiFi NEO, Smart Life ed IFTTT

Grazie al pieno supporto di IFTTT offerto da Smart Life, e’ possibile utilizzare, all’interno di un’applet IFTTT, il movimento rilevato dal sensore di movimento WiFi come evento (trigger) per scatenare un’azione (action) su un dispositivo intelligente di un’altra famiglia come ad esempio gli interruttori WiFi Sonoff.

Ovviamente sara’ solo la nostra fantasia a limitarci nei possibili scenari di integrazione grazie ad IFTTT.

Potrebbe interessarti anche:

6 pensieri su “Sensore di movimento WiFi, Zigbee, Z-Wave | Rilevatore di presenza WiFi

  1. Nicola

    Ciao un informazione funziona con Alexa di Amazon, cosi da poter creare degli scenari direttamente dall’app Alexa?

  2. Fabio

    Ciao, una domanda…quanto tempo impiega ad accendersi la luce dopo che il sensore ha rilevato il movimento? a me alcune volte 5 secondi, altre volte anche 90!! sai se c’e’ un modo per migliorare questo lag?

    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Fabio,

      il sensore genera l’evento immediatamente. Il ritardo variabile dipende dalla combinazione di servizi cloud utilizzati.
      In particolare IFTTT non garantisce esattamente il real-time.

  3. Andrea

    Buongiorno, ho acquistato il sensore descritto nell’articolo (Neo) ma non sono riuscito a farlo rilevare da Alexa anche se descritto come compatibile (attivando la skill), anche voi avete rilevato questo problema? La mia intenzione era notificare tramite un Amazon Echo il rilevamento del sensore.
    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.