Ankuoo REC interruttore WiFi | Broadlink TC2 | Livolo | Sonoff Touch

Interruttore WiFi | Ankuoo REC | Google Home | Broadlink TC2 | Livolo

Con Ankuoo REC interruttore WiFi controlli ogni interruttore luce con smartphoneGoogle Home. Scopri anche eMylo e gli interruttori touch Broadlink TC2Sonoff Touch, Livolo. Come montare un interruttore WiFi Ankuoo REC. Interruttore schema collegamento.

Interruttore WiFi | Ankuoo REC | Google Home | Broadlink TC2 | Livolo

Nonostante i suoi molteplici utilizzi, il Sonoff WiFi istruzioni italiano: contatto pulito, 4CH Pro pulsante tapparelle ci sono soluzioni migliori di interruttore WiFi per intervenire ed integrarsi con un impianto elettrico esistente e per poter comandare le luci anche mediante smartphone.

Il caso delle prese elettriche e’ decisamente il più facile e potete trova diverse soluzioni che non richiedono modifiche all’impianto elettrico in Presa WiFi TP-Link, elgato eve, D-Link, Sonoff: miglior presa intelligente.

Torniamo a vedere come integrare il nostro impianto elettrico con un interruttore WiFi.

Interruttore WiFi: caratteristiche

Partiamo dalle caratteristiche che deve avere un interruttore WiFi per il collegamento con un impianto elettrico:

  1. controllo remoto mediante smartphone ed integrazione con Google Home
  2. semplicità collegamento: il sistema deve richiedere interventi limitati all’impianto elettrico
  3. sincronizzazione stato tra smartphone e luce: sull’app di controllo deve sempre vedersi lo stato effettivo della luce indipendentemente da chi abbia determinato l’ultima variazione (smartphone, Google Homeinterruttore WiFi oppure tradizionale)
  4. dimensioni interruttore WiFi: deve avere ingombri tali da poter essere montato all’interno di una scatola elettrica da incasso standard

Gli elementi chiave che determinano la semplicità di collegamento degli interruttori touch con l’impianto elettrico esistente sono:

  • necessita’ di collegamento al cavo neutro
    • tale conduttore non e’ normalmente disponibile nella scatola da incasso (dove sono presenti l’interruttore unipolare / deviatore / invertitore)
    • potrebbe essere necessario fare del cablaggio aggiuntivo per portare il cavo neutro
  • tipologia di contatto in uscita
    • può essere disponibile solamente la fase interrotta (adatto solo punto luce interrotto)
    • alternativamente potremmo disporre di un vero e proprio contatto pulito (adatto a tutte le tipologie di impianto)
  • bisogno di componenti aggiuntivi da installare (in particolare un gateway centrale di collegamento ad internet)

Gli interruttori wireless che non richiedono il cavo neutro per il loro funzionamento sono basati su un dimmer come illustrato in questo video:

Le migliori soluzioni di interruttore WiFi disponibili sul mercato italiano, sono le seguenti:

Tipologia 
Luce WiFi
Sonoff SlampherEUR 15,99
LOFTerEUR 16,99
Sonoff B1EUR 22,66
Relè wireless da incasso
Broadlink RM Pro+
+ eMylo
EUR 32,90
+ EUR 12,89
Ankuoo RECEUR 23,00
Interruttore WiFi touch
Broadlink RM Pro+
+ Broadlink TC2
EUR 32,90
+ EUR 33,90
Sonoff Touch
LivoloEUR 22,28

Non approfondirò in questo articolo, data la semplicità, le soluzioni basate su portalampada WiFi oppure luce WiFi.

Prima di addentrarci nell’approfondimento di queste soluzioni, dobbiamo pero’ ripassare le basi di un impianto elettrico.

Anticipo comunque un punto di attenzione: un interruttore WiFi ha in molti casi la necessita’ di essere alimentato e quindi per il collegamento potrebbe rendersi necessario effettuare dei cablaggi aggiuntivi.

Collegamento interruttore WiFi ed impianto elettrico domestico

Raccomandazioni preliminari:

Collegamento interruttore

  • per ragioni di ovvia sicurezza, prima di effettuare qualsiasi verifica sull’impianto elettrico, va tolta l’alimentazione
  • qualsiasi modifica all’impianto elettrico va effettuato da una impresa autorizzata che dovrà rilasciare e/o aggiornare la documentazione prescritta dalla normativa

Per verificare l’assenza effettiva di tensione e’ bene essere dotati di un cercafase senza contatto oppure un multimetro digitale:

In un impianto elettrico civile si può comandare, da uno o più punti, una luce in diverse modalità ed utilizzando diversi componenti (interruttore unipolare, deviatore, invertitore, pulsante, relè):

# PuntiTipologia
punto luce
# Interruttori
bipolare
#
Deviatori
#
Invertitori
#
Pulsanti
#
Relè
1Interrotto1
2Deviato2
3 o +Invertito21 o +
MultipliA relèMultipli1

Qualunque soluzione di interruttore WiFi valuteremo dovremo probabilmente accettare qualche compromesso nel sostituire o integrare i componenti di comando esistenti.

Vediamo ora come poter riconoscere la tipologia di collegamento interruttore pur non disponendo dello schema elettrico di’impianto.

Punto luce interrotto

In questo caso la luce e’ comandata da un punto interrompendo l’alimentazione, il conduttore di fase, mediante un interruttore unipolare.

Lo schema elettrico del punto luce interrotto, osservando anche la scatola da incasso aperta, si presenta nel modo seguente:

Come si vede il collegamento interruttore unipolare ha due fili elettrici e relativi morsetti di serraggio.

Punto luce deviato

In questo casa la luce e’ comandata da due punti facendo passare l’alimentazione, il conduttore di fase, attraverso due deviatori.

Lo schema elettrico del punto luce deviato, osservando anche la scatola da incasso aperta, si presenta nel modo seguente:

La topologia di tubi e scatole da incasso può portare a situazioni leggermente differenti ma in cui si può sempre riconoscere il deviatore dai tre fili elettrici di collegamento (BTicino nel mio caso):

Punto luce deviato

Esternamente un interruttore unipolare ed un deviatore sono assolutamente indistinguibili (placche BTicino Axolute Air nel mio caso):

Punto luce deviato

Aggiungo questa foto relativa ad una scatola in cui sono presenti un interruttore unipolare (con due fili elettrici e relativi morsetti) ed un invertitore (con tre fili elettrici e relativi morsetti):

Punto luce invertito

In questo casa la luce e’ comandata da almeno tre punti facendo passare l’alimentazione, il conduttore di fase, attraverso una sequenza di:

  • deviatore
  • invertitore (o più comandi intermedi)
  • deviatore

Lo schema elettrico del punto luce invertito, osservando anche la scatola da incasso aperta, si presenta nel modo seguente:

Vi prego di notare le differenze in termini di collegamento interruttore che permettono di identificare in modo quasi univoco la tipologia di componente:

  • l’interruttore unipolare ha due fili elettrici
  • il deviatore ha tre fili elettrici
  • l’invertitore ha quattro fili elettrici

Ricordo ancora una volta che esternamente, con la scatola chiusa, interruttore, deviatore ed invertitore sono assolutamente identici.

Punto luce a relè

In questo casa la luce e’ comandata da più punti mediante pulsanti di tipo normalmente aperto collegati in parallelo all’ingresso di un relè passo passo elettromeccanico. Ad ogni impulso ricevuto dai pulsanti il relè passo passo commuta lo stato spegnendo la luce se era accesa e accendendola se era spenta.

Lo schema elettrico del punto luce a relè, osservando anche la scatola da incasso aperta, si presenta nel modo seguente:

Notate come nel collegamento interruttore luce unipolare e pulsante ci siano due fili elettrici. Sono comunque distinguibili esternamente poiché il pulsante ha una sola posizione a cui torna sempre dopo ogni pressione.

Dimensioni scatola da incasso

Nella stragrande maggioranza dei casi i componenti di comando del nostro impianto elettrico sono montanti su una scatola da incasso con 3 moduli (foto Vimar):

Scatola da incasso 503

E’ fondamentale porre attenzione agli spazi standard disponibili prima di acquistare uno qualsiasi degli interruttori touch avente determinati ingombri non sempre pensati per gli standard italiani:

Dimensioni scatole elettriche da incasso

E’ ora giunto il momento di tornare alle tipologie di interruttori wireless con cui rendere intelligente l’impianto elettrico.

Interruttore wireless eMylo

Si tratta di un interruttore wireless di produzione cinese che adotta la tecnologia radio e quindi può essere controllato a distanza mediante radiocomando. Ha le certificazioni CE e RoHS.

E’ importante chiarire da subito che eMylo da solo non puo’ essere gestito mediante smartphone o Google Home: successivamente vi spiego come superare questa limitazione.

Sono disponibili innumerevoli modelli di interruttore wireless eMylo che lo rendono adatto a tante applicazioni; ho scelto i modelli a 220 V AC da 1.000 W con 1 o 2 canali di uscita:

 eMylo 220V-1-Low PowereMylo 220V-2-Low Power
eMylo 220V-1-Low PowereMylo 220V-2-Low Power
Frequenza315 / 433 MHz315 / 433 MHz
Carico massimo1000 W1000 W
Canali12
Dimensioni65 x 37 x 22 mm75 x 65 x 29 mm
EUR 12,89EUR 13,99

La confezione della versione ad 1 canale che ho acquistato include anche 2 radiocomandi con batteria inclusa:

L’interruttore wireless eMylo può essere configurato in tre modalità di funzionamento:

  • pulsante (momentary): alla pressione di un pulsante del telecomando il contatto si chiude riaprendosi al momento di rilascio del pulsante stesso

eMylo

  • interruttore a scatto (latched): premendo e rilasciando un pulsante il contatto si chiude; premendo e rilasciando nuovamente il medesimo pulsante il contatto si riapre

eMylo

  • interruttore a commutazione (toggle): in questo caso apertura e chiusura del contatto sono comandati da due pulsanti distinti del telecomando

eMylo

Le dimensioni limitate degli interruttori wireless eMylo ne consentono facilmente il collegamento all’interno di una scatola elettrica da incasso:

eMylo

Vi prego di osservare che ciascun canale di uscita dell’interruttore wireless eMylo e’ un contatto pulito, di fatto un deviatore, come si vede bene in questo schema collegamento eMylo nella versione ad un canale da me riveduto e corretto:

Schema eMylo

Analogamente lo schema di collegamento interruttore wireless eMylo nella versione a due canali:

Schema eMylo

Possiamo dunque utilizzare un interruttore wireless eMylo nel nostro impianto elettrico in vece di interruttore unipolare, deviatore oppure pulsante, a patto alimentarlo direttamente con fase e neutro.

Gli scenari di utilizzo dell’interruttore wireless eMylo come controllo remoto su un impianto di comando esistente sono i seguenti:

# Punti
a muro
Tipologia
punto luce
# Broadlink
RM Pro+
#
eMylo
#
Deviatori
#
Invertitori
#
Pulsanti
#
Relè
1Interrotto111
2Deviato1111
3 o +Invertito1112 o +
MultipliA relè11Multipli1

La configurazione della modalità di funzionamento dell’interruttore wireless eMylo si effettua seguendo questa procedura:

  • premere il pulsante programmazione per 5 secondi fino a quando il LED rosso si accende e poi si spegne indicando l’avvenuta cancellazione dell’associazione con un telecomando esistente
  • mantenendo premuto i LED rosso e verde iniziano a lampeggiare una volta, due volte e tre volte in sequenza
  • rilasciare il pulsante dopo che il LED hanno lampeggiato una volta per impostare la modalità pulsante
  • rilasciare il pulsante dopo che i LED hanno lampeggiato due volte per impostare la modalità interruttore a scatto
  • rilasciare il pulsante dopo che i LED hanno lampeggiato tre volte per impostare la modalità interruttore a commutazione
  • il ricevitore wireless e’ ora pronto per essere accoppiato col trasmettitore radio

L’accoppiamento dell’eMylo con un radiocomando si effettua invece seguendo la procedura seguente:

  • premere il pulsante programmazione fino a quando il LED rosso non si accende
  • rilasciare il pulsante, il LED rimane acceso
  • premere il pulsante sul telecomando fino quando il LED rosso sull’eMylo lampeggia ancora una volta e si spegne indicando che l’associazione e’ avvenuta con successo
  • nel caso di due canali premere il secondo pulsante sul telecomando fino quando il LED sull’eMylo lampeggia e si spegne indicando che l’associazione si e’ conclusa con successo

eMylo e’ un interruttore wireless comandato via radio: per renderlo gestibile mediante smartphone o Google Home basta accoppiarlo al dispositivo Broadlink RM Pro+ come descritto in Broadlink RM Pro+ telecomando universale WiFi per TV, cancello, condizionatore.

Con questa soluzione lo stato della app Broadlink e-Control non e’ garantito sia sincronizzato con lo stato della luce data la presenza di elementi di comando autonomi (collegamento via radio).

Interruttore WiFi Ankuoo REC

Si tratta di un interruttore WiFi che nasce per essere montato ad incasso:

Interruttore WiFi Ankuoo REC

Le caratteristiche dell’interruttore WiFi Ankuoo REC sono le seguenti:

Relè WiFi da incasso Ankuoo REC

Aggiungerei anche il supporto completo a Google Home.

Come chiaramente indicato sul manuale d’uso in italiano, l’interruttore WiFi Ankuoo REC, a differenza del suo predecessore LUM, può essere utilizzato per il collegamento interruttore unipolare, deviatore o invertitore:

Installazione Ankuoo REC

Abbiamo dunque un ventaglio di possibili collegamenti dell’interruttore WiFi Ankuoo REC a seconda della tipologia di comando esistente:

  • collegamento interruttore luce (controllo manuale da 1 punto)

Installazione Ankuoo REC

  • con deviatori (controllo manuale da 2 punti)

Installazione Ankuoo REC

  • con deviatori ed invertitori (controllo manuale da 3 o + punti)

Installazione Ankuoo REC

Attenzione alla potenza massima gestibile dall’interruttore WiFi Ankuoo REC:

  • Massima corrente: 10 Ampere
  • Massima potenza: 2.300 Watt

Per controllare da smartphone l’interruttore WiFi Ankuoo REC potrete utilizzare l’app Ankuoo REC Smart.

Le dimensioni sono davvero limitate (53 x 49 x 17 mm):

Ankuoo REC

e consentono di incassarlo facilmente.

Vi raccomando di osservare che con l’Ankuoo REC:

  • e’ necessario il collegamento al cavo neutro
  • il contatto in uscita e’ pulito (quindi si adatta anche a punti luce invertiti)
  • non serve nessun componente aggiuntivo

Ankuoo REC installazione

Vediamo come ho effettuato l’installazione dell’Ankuoo REC che ho acquistato per controllare anche mediante smartphone una luce esterna.

Raccomando ancora di spegnere l’alimentazione elettrica generale prima di qualsiasi attivita’.

Il primo passo dell’installazione Ankuoo REC e’ aprire la scatola contenente l’interruttore esistente (quello di destra con un filo nero ed uno marrone):
Ankuoo REC

Si vede subito come manchi il conduttore di neutro sia assente ed abbiamo dunque due opzioni di installazione Ankuoo REC:

  • tirare un cavo neutro dalla scatola di derivazione ed installare l’interruttore WiFi nella scatola ad incasso dell’interruttore
  • montarlo dentro la scatola di derivazione

Nonostante il dispositivo ci stia perfettamente nella scatola:

Ankuoo REC

Ho deciso di procedere con l’opzione di installazione Ankuoo REC nella scatola di derivazione.

Per identificare il tubo corretto nella scatola di derivazione ho utilizzato una molla tirafili e successivamente:

  • tagliato il cavo di fase che andava verso l’interruttore (nero) collegandolo ai morsetti L ed L1
  • tagliato il ritorno dall’interruttore (marrone) verso la lampadina esterna, collegandolo ai due morsetti del dispositivo
  • derivato un cavo neutro collegandolo al morsetto N

Ankuoo REC

Non appena alimentate nuovamente l’impianto elettrico dovreste udire dei beep provenire dall’interruttore WiFi: l’installazione Ankuoo REC e’ completa !

Ora, dopo aver installato l’applicazione Ankuoo REC sullo smartphone ed essersi registrati, e’ il momento di associare il dispositivo:

L’utilizzo dell’interruttore WiFi e’ davvero semplice e come si vede c’e’ sincronia perfetta tra lo stato della luce e quello riportato sull’app anche quando agiamo mediante l’interruttore esistente:

Oltre al comodo comando remoto mediante smartphone, sull’App Ankuoo REC previste tre modalità di programmazione:

  • crono-programmazione
  • conto alla rovescia
  • antifurto

Ankuoo REC

La modalità di funzionamento dell’Ankuoo REC più interessante e’ senz’altro quella antifurto che consente di simulare la presenza in casa programmando una fascia oraria, selezionabile sui vari giorni della settimana, in cui l’interruttore luce si accende ad orari e durate casuali:

Notate come tutti gli eventi di accensione e spegnimento sono notificati su smartphone e presenti nello storico.

Ankuoo REC Google Home

A partire da giugno 2018 c’e’ il supporto completo Ankuoo REC Google Home; la procedura di associazione del dispositivo e’ la consueta prevista in Google Home:

Potrete comodamente accendere e spegnere le vostri luci dal vostro letto chiedendo aiuto a Google Assistant !

Interruttore wireless Broadlink TC2

Passiamo ora al Broadlink TC2, il primo interruttore wireless che prendiamo in considerazione che nasce per essere installato al posto della placca con interruttori a muro:

Broadlink TC2

L’aspetto e’ molto elegante grazie all’uso di un pannello in cristallo temperato ed agli interruttori touch. Sono disponibili versioni con 1, 2 o 3 interruttori.

Come altri oggetti della medesima famiglia, Broadlink TC2 nasce per essere comandato via radio:

Broadlink RM Pro+

Per renderlo gestibile da remoto mediante smartphone e Google Home medainte le app Broadlink e-Control e IHC basta accoppiarlo al Broadlink RM Pro+.

Vi prego di notare dalla foto dei morsetti di collegamento che, a differenza dell’Ankuoo REC,  il Broadlink TC2 non necessita di collegamento col cavo di neutro (sono proprio assenti le viti dei morsetti):

Broadlink TC2

Probabilmente il dispositivo non richiedere una alimentazione continua dato che il controllo avviene via radio e non mediante il WiFi. Ovviamente il controllo via radio ha lo svantaggio di non consentire la sincronizzazione di stato tra Broadlink TC2  e cloud.

L’applicazione del Broadlink TC2, a causa della presenza in uscita della sola fase interrotta, e’ esclusivamente in sostituzione di un interruttore luce unipolare e non con punti multipli con deviatore ed invertitore:

Broadlink TC2

Nel caso lo compriate fate attenzione a scegliere la misura US Standard perché quella a EU Standard non e’ compatibile con le scatole da incasso italiane:

Broadlink TC2

La massima potenza gestibile dal Broadlink TC2: e’ di 300 Watt (massimo 800 Watt per un placca con 3 interruttori).

Nel caso vogliate controllare una lampadina la cui potenza sia inferiore ai 10 W e’ necessario collegare al Broadlink TC2 un condensatore (incluso nella confezione) secondo lo schema seguente:

Broadlink TC2

Interruttore WiFi Sonoff Touch

Anche la famiglia di dispositivi smart Sonoff ha una serie di interruttori touch che possono essere installati al posto della placca con interruttori a muro, il Sonoff Touch:

Sonoff Touch

Anche in questo caso l’uso di un pannello in cristallo temperato con interruttori touch rende l’oggetto molto elegante.

Il Sonoff Touch e’ un interruttore WiFi si collega direttamente al cloud e può essere controllato sullo smartphone con la consueta app Sonoff eWeLink.

La misura da acquistare e’ US Standard perché quella indicata come EU Standard non e’ compatibile con le scatole da incasso italiane.

Lo schema di collegamento dell’interruttore WiFi Sonoff Touch:

Sonoff Touch

Ci evidenzia subito che il Sonoff Touch:

  • ha la necessita’ di collegare il cavo neutro (analogamente all’Ankuoo REC e differentemente dal Broadlink TC2)
  • può essere utilizzato, come il Broadlink TC2, esclusivamente al posto di un interruttore luce unipolare non disponendo in uscita di un contatto pulito:

Sonoff Touch

Qualche approfondimento sulla potenza gestibile dal Sonoff Touch:

  • Massima corrente: 2 Ampere
  • Massima potenza: 400 Watt

Direi che con luci a LED saremo ampiamente sotto questo limite.

La getione remota mediante smartphone e Google Home e’ resa possibile dall’app Sonoff e-Control.

Interruttore wireless touch Livolo

E’ ora dell’ultimo interruttore wireless che nasce per essere installato al posto della placca con interruttori a muro, gli interruttori touch da incasso Livolo:

Livolo

Qualche approfondimento sulla massima potenza gestibile dal Livolo :

  • Massima corrente: 5 Ampere
  • Massima potenza: 1.000 Watt
  • Potenza minima: 15 Watt (se necessario occorre acquistare un adattatore addizionale)

Quindi con luci a LED singole ricordatevi di comprare l’adattatore:

Livolo

Gli aspetti che rendono più interessante la soluzione Livolo sono sicuramente che:

  • non serve il collegamento al cavo neutro (differentemente dall’Ankuoo REC)
  • supporta scenari di punti di comando a muro multipli come chiaramente indicato nello schema elettrico presente sul sito Livolo Instruction Center:

Livolo

Vuoi controllare in modo intelligente l’impianto irrigazione per un prato bellissimo con la giusta quantità d’acqua in base al meteo ! Scopri le migliori centraline irrigazione WiFi leggendo Centralina irrigazione WiFi | Rain Bird ESP | Orbit 94546 | Hunter HC.

Interruttore WiFi | Ankuoo REC | Google Home | Broadlink TC2 | Livolo

Direi che ora avete un panorama completo su come scegliere un interruttore WiFi per poterlo gestire con smartphone oppure Google Home, come fare l’installazione interruttore WiFi Ankuoo REC oppure orientarvi sugli interruttori touch Sonoff Touch, Livolo, Broadlink TC2 !

 

Potrebbe interessarti anche

52 pensieri su “Interruttore WiFi | Ankuoo REC | Google Home | Broadlink TC2 | Livolo

  1. Nicolò

    Ciao, vorrei installare l’interruttore della broadlink dato che ho il trasmettitore ir rf della stessa marca. Voglio controllare una lampada gestita da più tasti. Ma vorreisostituire solo questo interruttore (https://imgur.com/a/a7Vd5) e non gli altri 3 tipo questo (https://imgur.com/a/cWtxV). Se installo la piastra su interruttore della foto 1, il sistema può funzionare o no? Grazie

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Nicolò,

      premesso che la foto non e’ chiarissima.

      Se la lampada e’ gestita con più tasti non ci sono molte possibilità: o si tratta di deviatori+invertitori oppure pulsanti su un relè.

      Per quanto non lo abbia provato materialmente, il Broadlink TC2 non ha un contatto pulito in uscita ma solo con apertura o chiusura della fase, e quindi si può utilizzare:
      – come un pulsante per il rele’
      – come interruttore unipolare

      Ho aggiornato l’articolo per rendere più chiaro lo schema di collegamento.

      Rispondi
  2. Michele

    Ciao, prima di tutto complimenti per la guida super interessante.
    Approfitto della tua cortesia per chiederti informazioni sul montaggio di Ankuoo REC. Io avrei necessità di installarlo in una scatola con tre frutti. L’interruttore, insieme ad altri tre, comanda una lampada in camera da letto. Quello che non mi è chiaro, e non riesco a togliermi i dubbi con la foto che hai fatto alla scatola di derivazione, è se devo fare dei “ponti” (con connettori a cappellotto) aggiungendo dei fili che colleghino l’interruttore al dispositivo wifi. Io avrei anche una foto del mio interruttore, perché temo di non esser riuscito a spiegarmi bene, ma non vorrei abusare troppo della tua cortesia.

    https://imgur.com/dfNEIej
    https://imgur.com/hAXWC0t

    Grazie ancora e buona serata !

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Michele,

      devi seguire lo schema elettrico dell’articolo. Dalla foto si vedono solo i contatti interrotti/invertiti.
      L’Ankuoo REC ha bisogno comunque di essere alimentato. O aggiungi le alimentazioni nella scatola degli interruttori o lo monti nella scatola di derivazione dove hai tutto come ho fatto io.

      Rispondi
  3. Fabrizio

    Complimenti per l’articolo, molto dettagliato e chiaro.
    Volevo chiederti tra i tre interruttori da incasso (Ankuoo REC, emylo e sonoff) quale consigli riguardo all’integrazione in Home Assistant , utilizzati per comandare luci e tapparelle?

    Rispondi
  4. FLAVIO

    Innanzitutto complimenti per l’articolo. Volevo chiederti come mai il link inerente all Ankuoo rec riporta ad un interruttore Ankuo wireless che non supporta il montaggio su deviatori. È un errore amazon oppure non è più venduto?

    Rispondi
  5. FLAVIOARGIOLAS

    Sul sito ufficiale della Ankuoo non vi è traccia. E’ ancora commercializzato? A distanza dalla tua installazione di Ankuoo può essere considerato affidabile?
    E’ compatibile con google home?

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Flavio, purtroppo il sito Ankuoo non e’ esattamente aggiornatissimo (anche per le prese WiFi).
      E’ sicuramente affidabile (nel senso che funziona esattamente come atteso, descritto nell’articolo e mostrato nel video).
      Purtroppo non e’ compatibile con Google Home (che tra parentesi ho appena comprato).
      Come scrivo nell’articolo ha due vantaggi enormi rispetto a tutte le altre soluzioni che ho recensito:
      1) si può inserire senza problemi in un circuito deviato esistente
      2) lo stato mostrato sull’App e’ sincronizzato rispetto allo stato reale della luce
      Per questo la mia scelta d’acquisto e’ caduta sull’Ankuoo REC

      Rispondi
  6. Alessandro

    Ciao,
    ho trovato per caso il tuo sito e l’ho subito messo nei preferiti, quindi, complimenti!
    Vorrei chiederti dei consigli su alcuni prodotti che hai trattato.

    Nel mio carrello Amazon ho già messo:
    Broadlink RM Pro+
    BroadLink A1
    Broadlink RM mini3.
    Presto anche Google Home!

    Avrei intenzione di comandare, condizionatori, luci, tv ecc ed avevo pensato agli attuatori Sonoff e/o anche le prese comandate della Broadlink. Volevo chiederti se come prodotti sono affidabili, se si possono comandare contemporaneamente più attuatori, es.: quando accendo la tv si deve accendere contemporaneamente anche la sound bar, oppure, quando accendo la luce del bagno viene comamdata contemporaneamente la valvola che apre l’acqua e che si richiude dopo 4 minuti da quando spengo la luce, ecc. Mi sembra di aver capito che si possono creare le scene.
    Se va via l’energia elettrica (quì succede spesso) ed ho programmato l’accensione dei condizionatori, quando torna si riaccendono? E se manca proprio quando deve dare l’impulso? Forse va fatto anche il controllo della temperatura, oltre che dell’orario (ho visto si può fare!).

    Inoltre, ho comunque la necessità di lasciare gli interruttori manuali, ma, ho visto che tutti gli interruttori “domotici”, carini con il vetro, sostituiscono anche nei contatti l’interruttore fisico. Non c’è modo di utilizzare degli interruttori a muro che comandano gli attuatori (via radio o via Broadlink)? La mia intenzione è quella di portare l’alimentazione vicino alle utenze e poi, mettere gli attuatori comandati dal Broadlink.

    Infine, l’RM pro+ e l’RM mini3 possono convivere sulla stessa applicazione? Si possono esportare le varie configurazioni?

    … poi, se mi sono dimenticato qualcosa, accetto volentieri suggerimeni!

    Grazie ancora per lo splendido sito e passione che mostri. Faccio queste cose per divertimento anche se in parte coincidono con il mio lavoro “tecnologico” (faccio il provider WiFi), mi affascinano le automazioni! Non per vantarmi, sono stato il primo (nel 2007) a mettere un impianto fotovoltaico da 20 Kwp al mio paese.

    A presto.

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Alessandro,

      quante domande, provo a rispondere a tutte.

      Sicuramente il mio Broadlink RM PRO+ e’ affidabile ed anche semplice per l’installazione. Lo uso per pilotare TV (infrarossi), Decoder Polsat (infrarossi) e cancello elettrico CAME (radio).

      Che succede quando manca l’alimentazione elettrica ?

      Tutti i dispositivi, sia Broadlink RM Pro+ che quelli controllati, tornano autonomamente al loro stato di default (direi spento in tutti i casi).

      A questo punto intervengono i comandi / scene impostati (che di fatto ripartono da zero).

      Per gli interruttori esistenti puoi usare una delle opzioni descritte in articolo.
      Quella secondo me + soddisfacente, perché integrabile con deviatori esistenti ed in grado di mostrare su app lo stato reale della luce, e’ Ankuoo REC. Purtroppo non e’ integrata con Google Home.

      Nella medesima App (direi tuo profilo) puoi associare assolutamente più dispositivi Broadlink.

      Io lo faccio per hobby per sperimentare. E mi piace condividere.

      Rispondi
      1. Alessandro

        Ciao,

        e grazie per la risposta. Non la trovavo!!!

        Il tuo sito ormai è nei miei preferiti e, appena potrò, sarà messo nel plug-in che mi informa dei siti che si aggiornano.

        In merito agli interruttori, ho formulato male la domanda.

        Praticamente, a me non interessa utilizzare i vecchi interruttori, ma, utilizzare dei “pulsanti” o “interruttori” senza passare nuovi fili. Meglio, i due fili che vanno alle lampade, vorrei utilizzarli per portare sempre la tensione agli attuatori, e poi, comandare gli attuatori con il Broadlink. Vivo da solo a casa, quindi non ho problemi ad accendere le luci con il telefono o con google home, il problema nasce se ho degli ospiti. Come faccio a fargli accendere la luce? Quindi pensavo a degli interruttori che mandano l’impulso (senza fili) al sistema, e, il sistema, manda il comando di accensione o spengimento all’attuatore. potrei utilizzare dei telecomandi “radio” ma sono più carini degli interruttori a muro.
        Mentre scrivevo, ho pensato che, se non si trovassero gli “interruttori” che cerco, potrei togliere i pulsanti ai telecomandi e usare i pulsanti standard per chiudere il contatto. Mi sembra strano, però, che non ci sia un prodotto che assolva questa funzione!

        Inoltre, tornado al “quando manca la luce cosa succede”, ho pensato: se il condizionatore non si è acceso perché non ha ricevuto l’impulso, creando una scena che prevede il controllo della temperatura in una determinata fascia oraria, al ritorno della luce, se la temperatura scende sotto al valore di soglia (viceversa in estate), dovrebbe rimandargli l’impuso. Giusto? Questo nel caso l’elettricita venisse a mancare nel momento dell’impulso. Negli altri momenti, se è acceso rimane acceso, se spento, rimane spento! … e riceverà l’impuso pianificato. Giusto?

        Scusami se ti faccio queste domande contorte, ma mi piace creare automazioni e farle vedere agli amici! All’Isola del Giglio, mi chiamano il mago dei computer … ma non lo sanno che ho tanto da imparare!

        Hai la pagina facebook? Mi piacerebbe seguirti anche lì!

        Grazie ancora e, complimenti di nuovo!

        Saluti, Alessandro.

        Rispondi
        1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

          Ciao Alessandro,

          in realtà io mi ero finora focalizzato sullo scenario di integrazione di un impianto elettrico esistente.

          Per il caso che indichi tu, in cui di fatto sei disponibile a modificare l’impianto elettrico (ad eccezione ovviamente dei punti luce), potrebbero andare bene tutte le soluzioni perché potresti collegare direttamente la luce al contatto (non pulito) degli interruttori luce touch.
          Cadendo il vincolo di inserire il comando luci wireless in un circuito con deviatori, gli l’elementi prevalenti della scelta diventano:
          1) la compatibilità nativa con Google Home.
          2) la certezza di avere la sincronizzazione sullo stato

          La scelta cade inevitabilmente sul Sonoff Touch.

          Tornando all’assenza di alimentazione.

          Certamente una scena basata su condizioni di tempo e soglia di temperatura risolvere le cose (e’ come funziona un cronotermostato tradizionale).

          Ho visto che hai trovato la mia pagina Facebook LamiaCasaElettrica in autonomia !

          Rispondi
  7. Christian

    Ciao, ringraziandoti per il supporto datomi nell’altro articolo avrei bisogno di chiarimenti perchè non ci capisco niente 🙂

    Premetto quello che vorrei realizzare :

    – Vorrei, con GOOGLE HOME, comandare le luci della cucina e del salotto.
    – In cucina ho un interruttore normale
    – In salotto ho placca con due deviatori.

    Nello specifico questo quello che ho in cucina :
    https://drive.google.com/open?id=1UtaqvvEvogATN45CALr4FYIWRG_ekvTk

    Questo quello che ho in Sala (2 deviatori)
    https://drive.google.com/open?id=191YsEKlp4f4g-XoAp4EBWFsIS5sZDPUx

    Cosa dovrei acquistare per fare in modo (sostituendo o meno i “pulsanti”) di poter comandare le luci con GOOGLE HOME (non mi interessa comandarle da app o telecomando ma principalmente da GOOGLE HOME)

    Grazie

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Christian,
      premesso che sto ancora smanettando per far funziona Google Home con i prodotti Broadlink (il trucco e’ usare l’App IHC anziche’ e-Control).

      Per la cucina potresti sostituire o integrare l’interruttore con una soluzione qualsiasi di quelle indicate. Direi Broadlink o Sonoff che ho visto personalmente esserci come sistemi supportati da Google Home.
      Per il punto luce invertito l’unica soluzione che ad oggi mi sento di consigliarti, per avere lo stato vero della luce su cloud, e’ Ankuoo REC che pero’ non e’ presente in Google Home.

      Rispondi
      1. Christian

        Grazie ma cercavo proprio qualcosa che andasse con Google Home. Ho forse trovato il Sonoff T1 solo che al momento si trova solo la versione EU che non entra nelle scatole a muro italiane. Sto ora vedendo di ordinare all’estero la versione US che entra nelle nostre scatolette. Non ho capito se il Sonoff t1 puo’ essere usato come deviatore. In ogni caso al massimo elimino il deviatore da una spina e lo metto ugualmente come interruttore 2 gag. Per la cucina vedo quello che mi hai consigliato oppure anche qui sto valutando il Sonoff Touch sempre US. Che ne pensi ?

        Rispondi
        1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

          Ciao Christian,
          attenzione che il Sonoff T1 / Touch non ha un contatto pulito in uscita, quindi non adatto direttamente come deviatore. Per questo al momento io non l’ho preso in considerazione.
          Nel frattempo sono finalmente riuscito ad accendere il televisore da Google Home usando il Broadlink RM Pro+.
          L’interfaccia e’ pero’ ancora rozza (credo il supporto ufficiale sia solamente per la presa WiFi).

          Ho trovato alcune soluzioni di interruttore WiFi che supporta i deviatori e Google Home ma per ora vendute solo in USA (Leviton Decora Smart Switch Wi-Fi, TP-Link Smart Wi-Fi Light Switch, Belkin Wemo Light Switch). Se/quando le venderanno in formato europeo avranno sicuramente prezzi più alti rispetto ai dispositivi di questo articolo.

          Rispondi
      2. CHRISTIAN

        Il touch panel Broadlink posso usarlo con Google Home senza avere il broadcast RM ? Ho visto che in Google Home tra i dispositivi c è Broadlink Home ma non mi è chiaro se posso usare il touch senza l RM. Ho ordinato sia il touch che il RM solo che il touch mi arriva domani mentre RM pro+ tra 10 giorni e volevo intanto installare il touch mentre poi il Pro+ usarlo per comandare tv etc.

        Dalla tua esperienza e possibile usare da Google Home il Broadlink touch senza pro+?

        Grazie

        Rispondi
        1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

          Ciao Christian,
          come scrivevo nell’articolo il Broadlink TC2 viene comandato via radio (non si aggancia autonomamente al cloud via WiFi).
          E’ dunque necessario disporre di un Broadlink RM Pro+.
          Google Home si collega via cloud ai dispositivi intelligenti, non direttamente agli oggetti.

          Rispondi
  8. Christian

    Grazie 1000. Sto guardando un po’ di video di Broadlink RM PRO+. Che figata. Secondo te se lo prendo posso comandare con Google Home , oltre che il suo pulsante di accensione luce, anche il decoder NOWTV e TIM VISION (sempre con la voce) ?

    Rispondi
      1. CHRISTIAN

        Molto interessante. Solo una cosa non mi è chiara con il Broadlink. Una volta che memorizzo per esempio il telecomando di una soundbar per esempio (telecomando IR) il Broadband deve essere posizionato vicino alla soundbar per trasmettere il segnale IR oppure può essere messo anche in un altra stanza ?

        Grazie

        Rispondi
        1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

          Ciao Christian, nel caso di dispositivo comandato ad infrarossi il Broadlink deve essere “visibile” dal dispositivo stesso (come sarebbe per il telecomando).
          Potrebbe essere in un’altra stanza solo nel caso di dispositivo comandato via radio (ad esempio il cancello elettrico oppure un relè radio).

          Rispondi
  9. Filippo

    Ciao, innanzitutto complimenti per il tuo sito, i tuoi articoli sono chiari e semplici da seguire.
    Ho comprato il Broadlink RM PRO+ e Google Home, al momento mi ritrovo con lo stesso problema di Christian, in soggiorno ho 1 luce con 2 deviatori e vorrei poterla accendere/spegnere tramite Google Home.
    Su Amazon si trova l’interruttore luce touch Livolo (1 gang, 2 way) + Telecomando RF, in teoria sul Broadlink RM PRO+ potrei aggiungere un dispositivo lampada e insegnarli i comandi ON/OFF con il telecomando a corredo del Livolo. Giusto?

    Grazie

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Filippo, in teoria si’. Su Livolo la documentazione e’ quella linkata in articolo. In particolare non ho trovato un’app / servizio cloud nativo.
      Sicuramente Broadlink e’ agganciabile da Google Home (usando l’applicazione IHC come gia’ scrivevo in altro commento):

      Rispondi
      1. Filippo

        Ok, grazie, ma temo di aver scritto un’inesattezza.
        Attualmente Google Home riconosce i dispositivi attivati su IHC solo se vengono inseriti come lampada, e credo che nella fase di “learning” sia possibile inviare solo segnali IR.
        Molti consigliano di aggiungere un dispositivo “user defined” (tramite IR o RF), inserirlo in una “Scene” (che Google Home vede), ma non sono ancora riuscito a farlo funzionare.
        Farò altri tentativi…

        Rispondi
        1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

          Ciao Filippo, come ho scritto più volte il supporto attuale di Broadlink per Google Home è parziale (credo solo lo smart switch).
          Io sono riuscito ad avviare una scena basata sul telecomando IR della TV ma il comando vocale da dare non è sensato.

          Rispondi
        2. La mia Casa Elettrica Autore articolo

          Ciao Filippo, sono appena riuscito a gestire accensione/spegnimento della TV in modo semplice dichiarando il tutto come una lampadina.
          Tutto questo senza una scena. A quel punto basta un comando vocale tipo accendi e spegni.
          Ovviamente per ora non si può usare per fare azioni più complesse (altri pulsanti).

          Rispondi
          1. Filippo

            Ciao, confermo che al momento l’accoppiata Google Home + Broadlink funziona bene solo se si dichiarano i dispositivi come lampade e con le scene (in soggiorno ho associato proiettore, lettore e sintoamplificatore che posso accendere/spegnere, magari integrerò altri comandi semplici tipo l’apertura di Netflix, il tasto ok, ecc)
            Peccato per il supporto parziale, speriamo possano risolvere in futuro le incompatibilità.
            A questo punto sospendo la questione deviatori/luce in soggiorno e mi dedico al resto della casa, in attesa di qualche novità.

            Grazie per il supporto

          2. La mia Casa Elettrica Autore articolo

            Ciao Filippo, il supporto di Broadlink ha confermato che stanno lavorando al supporto dei telecomandi e non appena finito pubblicheranno la versione aggiornata. È solo questione di tempo.

  10. Christian

    Ciao, come ho scritto in un altro articolo (scusami se ho commentato nell’articolo sbagliato)
    ho acquistato un TC2 a due pulsanti.
    Vorrei usarne solo 1

    Il mio interruttore BTCINO attuale ha solo 2 fili.

    Questo è il mio attuale interruttore (quello a sinistre perché a destra è il campanello e lo sposterò’)

    https://drive.google.com/file/d/1UtaqvvEvogATN45CALr4FYIWRG_ekvTk/view

    Al mio interruttore arrivano solo 2 fili. Uno bianco e uno nero.

    Per usare il TC2 correttamente avendo solo questi due fili posso metterne uno in L e l’altro (il ritorno della lampadina) in L1 ?

    Scusami ma sto impazzendo e non voglio fare danni.

    Grazie

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Christian, calma e gesso. Certo che puoi farlo.

      Per prima cosa rileggi il paragrafo Montare interruttore luce: punto luce interrotto e riconduci il tuo schema a quello.

      Probabilmente avrai:
      1) scatola di derivazione dove ci sono:
      – fili di fase, neutro e terra che “alimentano”
      – 2 fili di fase e ritorno fase interrotta verso la scatola dell’interruttore
      – 3 fili di neutro, fase interrotta e terra verso il punto luce
      2) scatola dell’interruttore (quello che hai fotografato)
      – 2 fili di fase e ritorno fase interrotta verso la scatola dell’interruttore
      3) punto luce
      – 3 fili di neutro, fase interrotta e terra verso il punto luce

      Tu dovrai montare il Broadlink TC2 nella scatola attuale interruttore seguendo lo schema dell’articolo che NON prevede il neutro, quindi mi correggo rispetto ad un commento precedente (che ho rimosso).
      Attenzione: se devi montare il condensatore opzionale e’ necessario metterlo in parallelo (ho aggiunto foto su articolo).
      Quindi se hai un telecomando radio potresti provarlo comunque.

      Rispondi
      1. Christian

        Grazie 1000.
        Quindi, rileggendo l’articolo, la mia situazione è dell’interrotto e quindi, come avevo fatto posso procedere con :

        1 cavo in L (Il cavo Line ) e l’altro cavo in L1(o L3).

        Mentre l’adattatore lo devo mettere come in questa foto che ho trovato su Internet

        https://drive.google.com/open?id=1RNIZoCmcjEpWzME0GJTXckZdviDOOPdD

        Corretto ?

        Quindi la mia situazione, a parte il colore dei cavi, dovrebbe essere cosi’ come la foto sopra.

        L’accendiamo ? 🙂

        Rispondi
        1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

          Ciao,

          sulla L in ingresso dovresti mettere la fase, sulla L in uscita la fase verso la lampadina.

          A dire il vero lo schema per il condensatore dovrebbe essere il seguente:

          Broadlink TC2

          Comunque mi sei molto utile per aggiornare in tempo reale la guida !

          Rispondi
          1. Christian

            Vedi .. sono un rompiballe … ma almeno sono utile 🙂

            Domani attacco e speriamo non scoppi 🙂

            Preparati alla prossima settimana che mi arriva l’RM Pro 🙂 🙂

  11. Diego

    Buongiorno, io ho 3 luci che posso accendere e spegnere da 4 posti diversi… volevo chiedere se con “LIVOLO Wireless Remoto” posso sostituire una presa oppure no…
    Grazie

    Rispondi
  12. Ivan Iacoangeli

    Ciao, ho cercato di leggere in tutti commenti, spero di non fare una domanda già fatta.
    Non mi è chiaro se l’interruttore Ankuoo è compatibile con “Google Home”. Tra le app di Home non trovo Ankuoo ma mi chiedevo se magari fosse compatibile tramite IFTTT magari tramite chiamata HTTP.

    Sai darmi qualche info?

    Grazie

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Ivan,

      Ankuoo REC e’ supportato solo da Amazon Echo (Alexa).
      Ho comunque fatto la domanda alla casella di supporto Ankuoo.
      Al 27/04 mi hanno risposto che ci stanno lavorando con Google per Google Home. Dovrebbe essere disponibile in un paio di mesi.

      Rispondi
      1. Ivan Iacoangeli

        Grazie mille per la risposta.

        Ne approfitto per chiederti un altra cosa:
        Per rendere smart le luci di casa mantengo il funzionamento degli interruttori fisici, quali sono le soluzioni alternative ad ankuoo, possibilmente compatibile con Google home oppure ifttt?

        Grazie

        Rispondi
  13. Matteo

    Buonasera, intanto complimenti per il sito, davvero interessante e ben spiegato!

    Ho appena comprato un modulo ankuoo REC da collegare alle luci esterne di casa. In poche parole ho 2 interruttori in casa che accendono 3 luci esterne.

    Ho aperto entrambe le scatole per cercare di collegare, o su una o sull’altra, il modulo.

    All’interno della scatola “finale” ho scoperto che i fili di fase collegati sono ben 3: due fili neri collegati alle due estremità in diagonale e uno marrone in mezzo (l’interruttore è simile a quello di sinistra presente sulla guida per ankuoo).

    Come collego il modulo? Il cavo neutro non è un problema, ma non capisco quali cavi di fase devo utilizzare!

    Qualche consiglio o aiuto?

    Grazie mille, Matteo

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Matteo,

      quasi sicuramente le tue luci esterne sono collegate secondo le schema del punto luce deviato come descritto nell’articolo.

      Devi quindi seguire lo schema riportato in articolo come con deviatori (controllo manuale da 2 punti).

      Rispondi
  14. Mirko Marengo

    Ciao! Complimenti per l’articolo, veramente ben fatto. Una domanda :ho comprato un interruttore livolo e un ankuoo rec ma non riesco a farli funzionare insieme (ho fatto i collegamenti come con un normale interruttore, come da tue foto) . Hai idea di come risolvere?

    Rispondi
      1. Mirko Marengo

        Si, esatto, intendo comandare un punto luce sia con l”interruttore livolo che con l”ankuoo. L”ankuoo funziona, mentre il livolo una volta collegato come da schema che hai riportato nell”articolo non funziona (i led dell”interruttore continuano a passare da blu a rosso)

        Rispondi

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.