Vai al contenuto
Home » Domotica Fai da te » Raspberry Pi » Home Assistant Raspberry Pi: come installare guida passo passo

Home Assistant Raspberry Pi: come installare guida passo passo

    Home Assistant Raspberry Pi: come installare guida passo passo

    Scopriamo insieme come installare Home Assistant su Raspberry Pi passo passo per realizzare un sistema dedicato alla domotica fai da te scegliendo tra le modalità Home Assistant OS e Home Assistant Core.

    Quando abbiamo molti dispositivi intelligenti appartenenti a molti ecosistemi differenti, come ad esempio eWeLink Sonoff, Shelly, Tuya Smart Life, Netatmo solo per citarne alcuni, sarebbe comodi poterli gestire in un punto unico.

    Le soluzioni commerciali con molti dispositivi supportati in grado di coprire discretamente gestione ed integrazione sono Alexa e Google Home. Ma se vogliamo una grandissima configurabilità ed una bella interfaccia web la soluzione fai da te di gran lunga più utilizzata è Home Assistant. E se vogliamo un sistema dedicato sempre disponibile lo installeremo su un Raspberry Pi.

    Home Assistant Raspberry Pi: quale versione installare?

    Per installare Home Assistant su Raspberry Pi avete tre opzioni a disposizione:

    Home Assistant OS

    • versione minimale del sistema operativo Raspberry Pi OS
    • Supervisor per gestire gli Add-On
    • metodo raccomandato ufficialmente

    Home Assistant Core

    • installazione manuale su virtual environment Python
    • per utenti avanzati che vogliono un sistema totalmente configurabile
    • Custom Component per le nuove integrazioni

    Home Assistant Container

    • installazione stand-alone
    • basata sull’utilizzo di un container (come Docker)
    • bassa manutenzione manuale per gli aggiornamenti

    La scelta di quale modalità scegliere per installare Home Assistant su Raspberry Pi dipende da diversi fattori:

    • livello competenze informatiche avanzate (leggasi Linux)
    • se la scelta di Raspberry Pi è pensata in escluvisa o anche per altri utilizzi oltre ad Home Assistant
    • disponibilità di Custom Components e/o Add-Ons per i dispositivi che intendete integrare sul vostro sistema

    Nel mio esempio specifico volevo perseguire come minimo gli obiettivi seguenti:

    • utilizzare la scheda CAN Bus ed il software in Python per controllare la mia pompa di calore (leggi anche il mio articolo su hack Daikin HPSU Compact)
    • integrare i dispositivi Tuya Smart Life in Home Assistant utilizzando il Custom Component ufficiale Tuya v2
    • gestire i dispositivi Sonoff utilizzando l’Add On ufficiale eWeLink
    • integrare i dispositivi Broadlink

    Alcune esigenze erano apparentemente in contraddizione l’una con l’altra, ad esempio utilizzare contemporaneamente un custom component ed un add on.

    Tutte le procedure successive si riferiscono all’utilizzo di un PC Windows per la preparazione delle installazioni.

    Cosa serve per installare Home Assistant su Raspberry Pi

    La lista della spesa da fare prima di cominciare col vostro sistema dedicato alla domotica fai da te è la seguente:

    • Raspberry Pi 4: se avete un vecchio Raspberry Pi 3 potrebbe andare bene lo stesso
    • Alimentatore per Raspberry Pi: può sembrare banale ma avere la potenza minima necessaria è fondamentale perché il sistema sia stabile, soprattutto se collegaste anche un hard disk esterno
    • Micro SD Card: di capacità almeno 32 GB e possibilmente classe A2
    • Lettore di SD Card: quello interno al vostro PC va benissimo in alternativa potete usane uno esterno stand-alone
    • Collegamento Ethernet: per quanto Home Assistant funzioni benissimo in WiFi una connessione Ethernet è sicuramente più stabile e permette prestazioni di rete migliori

    Guida per installare Home Assistant OS su Raspberry Pi

    Home Assistant OS è l’opzione per chi non ha alcuna competenza sul sistema operativo Linux ma vuole comunque cimentarsi con la domotica fai da te avanzata.

    In questo caso non dovrete fare altro che scaricare e flashare sulla SD Card un’immagine già pronta contenente un’installazione minimale di Raspberry Pi OS e Home Assistant.

    Possiamo scegliere tra due applicazioni per preparare la scheda:

    • Balena Etcher
    • Raspberry Pi Imager

    L’opzione leggermente più facile è l’utilizzo di Raspberry Pi Imager; tramite Balena Hetcher potrete anche installare l’ultimissima versione di Home Assistant OS presente sul repository GitHub.

    Per entrambe le soluzioni il primo passo è quello di formattare la SD Card. Per farlo raccomando l’utilizzo del tool ufficiale SD Card Formatter, disponibile sia per Windows che Mac.

    Nella formattazione selezionate l’opzione di sovrascrittura in modo da avere una situazione perfettamente pulita anche nel caso utilizzate una vecchia SD Card:

    SD Card Formatter
    SD Card Formatter

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    Scaricate sul vostro PC il tool per flashare immagini di sistema operativo Balena Etcher.

    Ora fate il download dell’ultima immagine disponibile sul repository GitHub Home Assistant OS:

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    In particolare abbiamo disponibili queste versioni di binario Home Assistant OS tra cui scegliere per il download:

    • Raspberry Pi 4 64-bit
    • Raspberry Pi 4 32-bit
    • Raspberry Pi 3 64-bit
    • Raspberry Pi 3 32-bit

    La raccomandazione ufficiale è ora di scegliere la versione a 64 bit in quanto più performante e col supporto GPIO.

    A questo punto avviate Balena Etcher:

    Selezionate l’opzione Flash from file selezionando il file immagine Home Assistant di cui avete fatto download in precedenza:

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    Se necessario modificate la SD Card su cui operare:

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    Cliccando su Flash! avviate il processo che prevede come prima fase la decompressione dell’immagine:

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    Seguita dalla scrittura sulla SD Card:

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    E la verifica conclusiva:

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    La SD Card con Rasperry Pi OS ed Home Assistant OS è pronta:

    Home Assistant OS su Raspberry Pi con Balena Etcher

    Infilate ora l’SD Card con l’immagine nel vostro Raspberry Pi, collegatelo alla rete mediante cavo Ethernet ed accendetelo.

    Dopo qualche minuto dovreste essere in grado di accedere all’interfaccia web http://homeassistant.local:8123 dove potrete completare il wizard di installazione:

    Il gioco, si fa per dire, è fatto!

    Home Assistant OS con Raspberry Pi Imager

    Questa soluzione prevede l’utilizzo del tool ufficiale Raspberry Pi Imager:

    Come installare Raspberry Pi OS

    Nella marea di immagini disponibili su Raspberry Pi Imager, all’interno di Other specific purpose OS, potete scegliere anche quella di Home Assistant OS:

    Come vedete in questo caso, rispetto all’opzione precedente:

    • abbiamo due sole opzioni tra cui scegliere: Raspberry Pi 4 32-bit e Raspberry Pi 3 32-bit
    • la versione qui disponibile (6.2 nel mio esempio) non è recente come quella pronta per il download sul repository GitHub di Home Assistant OS (6.5 nel mio esempio)

    Procedendo con la selezione si succederanno scrittura e verifica della SD Card. Successivamente procedete come già descritto per Balena Etcher.

    Installare SSH su Home Assistant OS

    Al fine di poter utilizzare l’accesso SSH con linea di comando al vostro Home Assistant OS è necessario installare un Add-on come Terminal & SSH.

    Per farlo andate su Supervisor e poi sulla raccolta di Add-on per trovarlo all’interno di quelli ufficiali:

    Installare SSH su Home Assistant OS

    Basta ora selezionarlo ed avviarlo:

    Per aprire una finestra SSH all’interno del browser basterà semplicemente cliccare su Apri l’interfaccia utente web:

    Installare HACS su Home Assistant OS

    Vi raccomando anche di completare il setup leggendo la mia guida per installare HACS su Home Assistant.

    Guida per installare Home Assistant Core su Raspberry Pi

    Questa è l’opzione di installazione di Home Assistant per smanettoni e richiede un Raspberry Pi già installato e funzionante.

    Se non lo hai ancora fatto di consiglio di leggere subito la mia guida su come installare Raspberry Pi OS per la domotica.

    Uno dei prerequisiti per le ultime versioni di Home Assistant è l’utilizzo di Python 3.9.

    La versione attuale di Raspberry Pi OS include invece solamente Python 3.7: è quindi necessario effettuare un aggiornamento che potrebbe richiedere un po’ di tempo e pazienza.

    Vi raccomando di farlo in quanto al primo custom component installato avente il medesimo prerequisito, Tuya v2, mi sono schiantato.

    Se non ho lai ancora fatto, puoi anche leggere la mia guida per Aggiornare Home Assistant Core su Raspberry Pi OS.

    Upgrade Raspberry Pi a Python 3.9

    Installare prima di tutto le dipendenze:

    sudo apt-get update
    sudo apt-get install -y build-essential tk-dev libncurses5-dev libncursesw5-dev libreadline6-dev libdb5.3-dev libgdbm-dev libsqlite3-dev libssl-dev libbz2-dev libexpat1-dev liblzma-dev zlib1g-dev libffi-dev

    Scaricare e compilare su Raspberry Pi l’ultima versione disponibile di Python 3.9 necessaria da Home Assistant 2022 in poi.

    wget https://www.python.org/ftp/python/3.9.10/Python-3.9.10.tgz
    tar -zxvf Python-3.9.10.tgz
    cd Python-3.9.10
    ./configure ‐‐enable-optimizations ‐‐prefix=/usr
    make

    L’operazione di compilazione può richiedere davvero molto tempo. Ora installiamo il risultato della compilazione:

    sudo make altinstall

    Per pulizia rimuoviamo i file che non dovranno essere più utilizzati:

    cd ..
    sudo rm -r Python-3.9.10
    rm Python-3.9.10.tgz
    . ~/.bashrc

    Potete verificare la bontà del lavoro effettuato verificando le due versioni di Python 3 disponibili su Raspberry Pi OS:

    python3 – version
    python3.9 – version

    Installazione Home Assistant Core su Raspberry Pi

    Passiamo ora all’installazione vera e propria di Home Assistant Core su Raspberry Pi.

    Prima di tutto aggiornate Rasperry Pi OS all’ultima versione:

    sudo apt-get update
    sudo apt-get upgrade -y

    Installate le dipendenze necessaria ad Home Assistant Core:

    sudo apt-get install -y python3 python3-dev python3-venv python3-pip libffi-dev libssl-dev libjpeg-dev zlib1g-dev autoconf build-essential libopenjp2-7 libtiff5 libturbojpeg tzdata libtiff-dev

    Installate il supporto alla creazione di ambienti virtuali Python:

    sudo apt-get install python3-venv

    Create su Raspberry Pi OS l’utenza dedicata ad installazione ed esecuzione di Home Assistant Core:

    sudo useradd -rm homeassistant -G dialout,gpio,i2c

    Creare la directory per l’installazione di Home Assistant Core assegnandole i permessi necessarie:

    sudo mkdir /srv
    sudo mkdir /srv/homeassistant
    sudo chown homeassistant:homeassistant /srv/homeassistant

    Create ed attivate l’ambiente virtuale Python dove girerà Home Assistant Core:

    sudo -u homeassistant -H -s
    cd /srv/homeassistant
    python3.9 -m venv .
    source bin/activate

    Installate il package wheel:

    python3 -m pip install wheel

    Installate finalmente Home Assistant Core su Raspberry Pi:

    export CRYPTOGRAPHY_DONT_BUILD_RUST=1
    pip3 install homeassistant

    (Ho dovuto aggiungere la export iniziale per evitare un errore in fase di installazione).

    Avviate Home Assitant Core per completare l’installazione su Raspberry Pi (che richiederà ancora tempo e pazienza):

    hass

    Accedete infine all’interfaccia web http://homeassistant.local:8123 dove potrete completare il wizard di installazione:

    Home Assistant Raspberry Pi

    Il gioco, si fa per dire, è fatto: possiamo usare Home Assistant Core su Raspberry Pi.

    Autostart Home Assistant Core

    Per automatizzare l’avvio di Home Assistant Core all’accensione del vostro Raspberry Pi, procedete nella maniera seguente.

    Create il seguente file di configurazione

    sudo nano /etc/systemd/system/home-assistant@homeassistant.service

    Con il contenuto seguente:

    [Unit]
    Description=Home Assistant
    After=network-online.target
    [Service]
    Type=simple
    User=%i
    WorkingDirectory=/home/%i/.homeassistant
    ExecStart=/srv/homeassistant/bin/hass -c "/home/%i/.homeassistant"
    
    [Install]
    WantedBy=multi-user.target

    A questo punto riavviate il processo systemd per fargli prendere la configurazione del nuovo servizio:

    sudo systemctl – system daemon-reload

    A questo punto abilitiamo il servizio creato:

    sudo systemctl enable home-assistant@homeassistant

    A questo punto, al prossimo riavvio del vostro Raspberry Pi, Home Assistant Core partirà automaticamente.

    Se vogliamo vedere subito il risultato possiamo avviarlo immediatamente:

    sudo systemctl start home-assistant@homeassistant

    Vi raccomando anche di completare il setup leggendo la mia guida per installare HACS su Home Assistant.

    Guida per installare Home Assistant Container (Docker) su Raspberry Pi

    Trovo che l’opzione con l’utilizzo di Docker su Raspberry Pi per Home Assistant sia quella più complessa e senza particolari benefici per l’utente medio interessato alla domotica fai da te, se non un ridotto onere per la gestione degli aggiornamenti. Per questo motivo vi rimando alla guida ufficiale in inglese.

    Leggi tutti i miei articoli su Raspberry Pi:

    Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

    Ultimo aggiornamento Amazon Affiliate 2022-10-05 at 06:07

    10 commenti su “Home Assistant Raspberry Pi: come installare guida passo passo”

    1. Salve, volevo chiedere un’informazione. ho comprato il sonoff bridge con 2 sensori di temperatura ed umidità SNZB. Naturalmente tutto semplice e funzionale con l’app ewelink. quello che vorrei fare io però è un sistema di monitoraggio che sia wireless ma funzioni anche in locale ed offline. Come potrei fare?

    2. Buongiorno, scusate la pochezza, ma sono all’ inizio. quando si arriva a questo punto..
      Installate le dipendenze necessaria ad Home Assistant Core:

      sudo apt-get install -y python3 python3-dev python3-venv python3-pip libffi-dev libssl-dev libjpeg-dev zlib1g-dev autoconf build-essential libopenjp2-7 libtiff5 libturbojpeg tzdata libtiff-dev

      questo è un comando unico da inserire tutto in una volta or sono tanti comandi da inserire uno alla volta ???

      Grazie

        1. Grazie per la risposta.
          Ora ho bisogno di un consiglio..
          Meglio installare Home Assistant Core oppure Home Assistant Hassio ???
          Buona giornata

          Claudio

    3. Buongiorno,
      innanzitutto grazie per l’ottimo lavoro!

      Ho riscontrato un errore alla sezione:
      Scaricare e compilare l’ultima versione disponibile di Python 3.8 (la 3.9 non è ancora supportata da Home Assistant)
      nel comando:
      ./configure – enable-optimizations – prefix=/usr

      a me funziona così:
      ./configure –-enable-optimizations –-prefix=/usr

        1. Ciao
          a me invece risponde
          configure: WARNING: you should use –build, –host, –target
          configure: WARNING: invalid host type: –-enable-optimizations
          configure: error: invalid variable name: `–-prefix’

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    La mia Casa Elettrica

    GRATIS
    VISUALIZZA