La mia Casa Elettrica Informazioni

La mia Casa Elettrica Informazioni

Questo blog nasce dalle mie esperienze di ottimizzazione della mia casa elettrica, ovvero un’abitazione alimentata esclusivamente da energia elettrica.

In questa pagina trovate le caratteristiche costruttive ed impiantistiche della mia casa elettrica con cui fare qualche confronto.

Quali sono le informazioni fondamentali che caratterizzano le nostra abitazioni dal punto di vista energetico ? Sicuramente gli aspetti più importanti sono:

  • involucro, ovvero tutte le superfici in contatto con l’ambiente esterno: le pareti, il tetto, le porte e le finestre. Non e’ altro che la “pelle” dell’edificio, determinando gli scambi di materia ed energia con l’esterno. Tanto più è energeticamente efficiente, tanto più fa risparmiare energia.
  • impianti, ovvero tutti i sistemi che si occupano di assicurare la climatizzazione invernale ed estiva della nostra abitazione. Riscaldamento e raffrescamento rappresentano sicuramente le voci più importanti della nostra bolletta energetica. Ma non bisogna dimenticare la ventilazione meccanica controllata che migliora la qualità dell’aria e consente di recuperare energia termica.
  • piano cottura induzione: per non dover essere allacciati al gas e massimizzare l’autoconsumo del fotovoltaico
  • domotica WiFi: per controllare e rendere intelligente la nostra abitazione

Involucro

Provo a fare una sintesi delle caratteristiche costruttive della mia casa elettrica, una villetta singola costruita in economia:

  • pareti: pannelli in lastre sagomate di EPS di 16 cm con reti metalliche interne ed esterne e strato superficiale di betoncino di 4 cm per lato Sytem+ MetroWall
  • tetto: in legno lamellare a vista, con assito in perline di 22 mm, isolamento con fibra di legno 16 cm, barriera al vapore e ventilazione
  • porte e finestre: serramenti in PVC triplo vetro Sistema Leonardo
  • portoncini di ingresso: Gasperotti Klima B

Ma vediamo i risultati raggiunti in termini di efficienza energetica tramite i dati tratti dall’Attestato di Certificazione Energetica (che non include il fotovoltaico poiché aggiunto successivamente):

PARAMETRONOMEVALOREUnita'
di misura
ProvinciaPavia
ComuneVigevano
Periodo di attivazione dell’impianto15 ottobre – 15 aprile
Gradi Giorno2.544GG
Superficie utile114,35
Fabbisogno annuo di energia termica
Climatizzazione invernaleETH66,11kWh/m²a
Climatizzazione estivaETC19,17kWh/m²a
Acqua calda sanitariaETW18,59kWh/m²a
Fabbisogno di energia primaria
Climatizzazione invernaleEPH25,98kWh/m²a
Climatizzazione estivaEPCkWh/m²a
Acqua calda sanitariaEPW12,34kWh/m²a
Totale per usi termicEPT38,32kWh/m²a

Pompa di Calore

Rotex HPSU Compact 508 6 kW

Assolve le funzioni di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria.

Pompa di calore Rotex HPSU Compact

Unità Trattamento Aria

VMC Italia LET 50-25 DC

Nella mia casa elettrica assolve le funzioni di ventilazione meccanica controllata e de-umidificazione. E’ in grado di effettuare anche integrazione al riscaldamento ed al raffrescamento.

VMC Italia LET

Elettricità

Fotovoltaico 3 kWp (1,5 kWp Est + 1,5 kWp Ovest – Inverter Power-One)

Contatore Enel 4,5 kW

Tariffa D1 Pompe di Calore 

Scambio Sul Posto (SSP)

Monitor consumi/produzione

OpenEnergyMonitor

Sistema di monitoraggio open-source per potenze elettriche, temperature ed umidità. Altamente espandibile e personalizzabile. Richiede conoscenze non sempre alla portata di tutti.

OpenEnergyMonitor

Elios4You

Effettua il monitoraggio della potenza prodotta dal fotovoltaico, della potenza prelevata dalla rete ed infine della potenza immessa in rete. Consente in modo programmabile di attivare un contatto per migliorare l’autoconsumo del fotovoltaico.

4noks Elios4you

 

Piano cottura induzione Ariston KIO 744 DD Z

Piano cottura induzione

Puoi approfondire la mia esperienza leggendo Piano cottura induzione consumi kWh elettrici: quanto consuma ?


Il blog La mia Casa Elettrica non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Il blog La mia Casa Elettrica è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di pubblicità e link a Amazon.it

Disponibile su Google Play

Potrebbe interessarti anche:

68 pensieri su “La mia Casa Elettrica Informazioni

  1. Paolo Leoni

    Buongiorno, ottimo blog con informazioni chiare.
    Vorrei alimentare e comandare dei led cob con welink o IHC, sei a conosxenza dell’esistenza di dimmer wifi o ir?
    Potrebbero avere:
    – sol. A) uscita ad esempio 230V taglio di fase o 1-10V, con il quale pilotare driver dimmerabili per alimanetare alla opportuna corrente i cob
    – sol B) driver con uscita in corrente regolata pwm (ad es. 350, 700mA)
    Posseggo 7 Broadlink RM 3mini che usavo con eControl ed un router Netgear DGND4000 (direi perfetto …) ora sono passato a Vodafone fibra, devo usare il loro router, un disastro ! Nessun remote viene più riconosciuto. Ora proverò a rifare tutto con con IHC, poi proverò ad intergrare tutto con Alexa o Goggle Home.
    Grazie, saluti
    Paolo Leoni

  2. klx

    Hi,

    I’m surprised with your website emoncms/ChabrosMaina/ and I’m searching information how to implement this, Recently I have bought a hpsu rotex 508 8KW and a solar system FV and I like how can I do this

    At this moment I have collected information from my fronius primo values and recover from emconcms but now I like to obtain data from hpsu, can you give detail how to do this?

    Also I liek to know if you implemented smartgrid, and for example if FV is generating more power than needed yu can increase hpsu usage to use this power?

    Thanks

  3. Leo

    ,ciao complimenti per gli articoli…

    sto aspettando il kit base delle teste termostatiche tado, dato che i miei termosifoni sono tutti dietro copritermosifoni la temperatura rilevata dalle teste non sarà quella ambientale, ipotizzavo dto che il termostato tado ha costi proibitivi di utilizzare come termometro ambientale per le stanze un sonoff th16, per la tua esperienza che tipo di IF sono possibili su questo device con IFFFT ?
    premetto che non ho ancora visto e studiato l’app dellla tado quindi potrei anche avere presupposti sbagliati.
    grazie per l’attenzione

    leo

  4. Alessandro

    Buongiorno
    Ho trovato questo interessante blog/sito cercando informazioni sulla pompa di calore che equipaggerà la mia casa nuova (elettrica) dalla fine di quest’anno. Trattasi ovviamente del sistema Daikin/Rotex (ora solo Daikin). Molto interessante davvero. Buona giornata,
    Alessandro

  5. klx

    hola,

    Grande blog!
    Recientemente he adquirido una hpsu 508 biv 8KW y estoy interesado en monitorear los valores similares alos de su ejemplo, me podria dar información, he visto los posts pero no tengo claro el hardware y le conexionado necesario

    Gracias

  6. Carlo

    Ciao!

    Anzitutto i miei più sinceri complimenti per il tuo blog, i tuoi articoli sono fatti veramente bene e comprensibili anche per chi, come me, non è un tecnico.

    Sto ristrutturando casa e proprio in questi giorni l’elettricista mi sta rifacendo da zero l’impianto elettrico. Dovendo rifare tutto, vorrei predisporre la casa per domotica utilizzando gli interruttori sonoff. L’idea è di usare il sonoff per le tapparelle (sono 6, quindi 3 interruttori da 4), condizionatori (sono 4), elettrodomestici e luci. A parte metterò un termostato wifi per controllare la caldaia/termosifoni. Avrei alcuni dubbi però e ti sarei molto grato se potessi aiutarmi:

    – l’elettricista sta predisponendo una cassetta dove mettere tutti i sonoff a cui poi portare i cavi dei vari apparecchi (tapparelle, elettrodomestici, …). Credo sia giusto, vero? oppure i sonoff devono essere vicini all’elettrodomestico da usare?

    – per quanto riguarda tapparelle e luci avrò anche i tasti fisici, ma non riesco a capire come si possono usare sia wifi che tasti sulla stessa luce. Posso accendere da tasto e poi spegnere da wifi? in questo caso meglio mettere tutti relé? o comando di accensione/spegnimento deve avvenire necessariamente dallo stesso sistema (sonoff o tasto)?

    – per le luci, visto che sto facendo la cassetta con tutti i sonoff, meglio mettere i sonoff da 4 e portare fili lì piuttosto che usare i sonoff da 1 per ogni luce, giusto? i sonoff possono però gestire i faretti insieme? nel senso: ho due file di faretti sulla cucina, col relé voglio poter accendere solo una fila o entrambe, il sonoff lo fa fare? o devo creare due linee separate per le due file di faretti?

    – ultima domanda: per le luci meglio il sonoff o i faretti led wifi tipo i philips hue? quali sono le funzioni che ho in più con i sonoff? e per gli elettrodomestici i sonoff a quanto ho capito gestiscono solo accendi/spegni, mentre un eventuale presa wifi mi darebbe più controllo sull’elettrodomestico?

    Perdona se ho fatto domande stupide, ma non sono un tecnico 🙁

    Grazie mille
    Carlo

    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Carlo, provo a risponderti.
      Sono sincero: non so se farei l’intero impianto a base di Sonoff ma e’ assolutamente possibile.
      L’importante secondo me e’:
      a) utilizzare Sonoff 4CH Pro (con contatti puliti) con montaggio in quadro elettrico
      b) usare sia classici deviatori fisici a muro che device smart per avere un controllo anche in assenza di connettività internet
      c) per le tapparelle bastano i pulsanti interbloccati fisici che funzioneranno in alternativa
      d) come accorpare le luci comandate dalle singole uscite e’ una scelta tua (non vedo vincoli)
      e) se intendi fare accensione e spegnimento va bene Sonoff; se vuoi lavorare su effetti di luce Philips Hue e’ praticamente in non plus ultra ma sono soluzioni del tutto alternative tra di loro

      1. Carlo

        Ciao,

        grazie per la risposta.

        Sì, l’elettricista sta predisponendo un quadro dedicato ai sonoff di fianco al quadro elettrico generale.

        Per le luci infatti pensavo di usare i sonoff solo per quelle che va bene un semplice spegni/accendi, tipo corridoio o ingresso.

        Non mi è ancora chiaro come funziona il pulsante fisico in combinata con il sonoff. Se accendo una luce con pulsante fisico e poi spengo con sonoff (con voce tramite google home o da app), si può fare? e il pulsante resta “schiacciato” su acceso?

        Grazie
        Carlo

        1. mau915

          si, su acceso perchè deve arrivarli un minimo di corrente dal relè, funziona cosi anche con la mia lampadina wifi yeelight xiaomi e google assistant.

  7. Emilio

    Buon giorno, ho trovato con piacere il tuo blog, che ho trovato interessante, con soluzioni anche diverse dalle consuete (come il tipo di collegamento per evitare di usare l’interlink con il sonoff 4ch pro per le tapparelle).
    Sono di recente diventato anche io un fun dei prodotti sonoff: ho appena installato due moduli 4ch pro per l’illuminazione del mio salotto, a integrazione dell’impianto esistente. Purtroppo ovviamente, essendo inseriti in una catena con deviatori e invertitori, non mi è dato sapere lo stato reale on o off, operando gli stessi solo come switch.
    Mi piacerebbe potermi confrontare su alcune possibili soluzioni, che ho sperimentato personalmente.

    1) Il nuovo armadio copre l’interruttore? Niente paura: si chiude il circuito sulla lampadina, si usa una Slampher e si comanda con un bell’interruttore RF (di quelli con vetro satinato, esteticamente molto carini, spessi circa 1 cm, che si può attaccare sul lato dell’armadio)… in più si clona il codce su un radiocomando e la luce è comandabile da interruttore, da radiocomando e da telefonino. Se anche il cloud ewelink va in palla, il sistema funziona con la RF

    2) Sulla base dell’idea precedente ho pensato che si potrebbe fare lo stesso senza cambiare l’estetica di un impianto preesistente: si acquista un telecomando 4 canali (5€), si collegano dei fili agli estremi dei pulsanti sulla scheda, si isolano gli interruttori dalla tensione, li si con dei semplici pulsanti “a impulso” con molla, collegati in parallelo ai bottoni del telecomando, si inserisce il telecomando nella scatola a muro ed è fatta. Unico inconveniente: quando si scarica la batteria tocca aprire il tutto.

    Nell’occasione ti faccio qualche domanda: secondo te vale la pena di aggiornare il FW per poter lavorare da LAN? Hai mai provato firmware hackerati per avere nuove funzionalità?

    Che tu sappia esistono dei sensori che possano rilevare se una luce è accesa o meno? Avevo addirittura pensato di adattare il sonoff con il sensore di temperatura per trasformarlo in un sensore di luce: la temperatura la legge una termocoppia che fornisce un certo valore in tensione… se il sensore di luce fornisce valori in range confrontabili si può adattare magari inserendo delle resistenze di shunt e a questo punto possiamo fare un crepuscolare o verificare se una luce è accesa o spenta.

    Ciao e grazie

    Emilio

  8. Marco

    Buongiorno Emiliano , Due domande
    1 : SonOff si posso interfacciare con Philps HUE?
    2 : Esiste un sistema per controllare il livello dell’acqua nei serbatoi e che notifichi il tutto su app del cell ?
    Grazie

    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Marco,
      1) non sono sicuro quali esigenze hai in mente. Alla fin fine gli Itead sono interruttori / deviatori elettrici smart, mentre Philips Hue e’ un sistema di illuminazione Smart che non nasce per essere controllato con interruttori fisici esterni. Sono aree diverse che puoi comunque integrare mediante IFTT + Stringify oppure in Google Home.
      2) devo pensarci. Non mi viene in mente un prodotto finito con tutto. Sicuramente bisogna integrare un galleggiante con contatto elettrico.

  9. Daniel Gatto

    Buonasera Emiliano, complimenti per il sito, ben strutturato. Ti chiedevo dei consigli. Ho da poco acquistato un appartamento e prima di entrarci volevo renderlo un po “smart”. Da qualche giorno ho acquistato un Google Home mini e da li vorrei poter comandare un po di cose. Come interruttori ho letto che la Sonoff sono i meglio compatibili e più consigliati per questo tipo di cose. Ti elenco le cose che vorrei andar a comandare, luci salotto, luci cucina, qualche presa 220 ed infine ho delle serrande elettriche sulle finestre con 2 interruttori, uno per alzare e l’altro chiaramente per abbassarle. Per il montaggio mi affiderò ad un elettricista ma ti chiedevo quali articoli dovrei fargli trovare nel momento in cui inizierá i lavori. L’impianto in se é giá concluso da anni quindi non vorrei stravolgere inserendo questa roba. Importante, mi sta bene poter accendere e spegnere luci chiedendolo a google, abbassare la serrande e tutto il resto, ma se mi trovassi senza internet ho la necessitâ di poter utilizzare anche il vecchio sistema, cioé se non va con google, potrò comunque abbassare la serranda o spegnere la luce dal calssico interrutore. Ti ringrazio anticipamente. Buona serata.
    Daniel Gatto

    1. La mia Casa Elettrica Autore articolo

      Ciao Daniel,
      nel caso di impianto elettrico esistente trovi un po’ di soluzioni possibili a basso costo in questi miei articoli:

      Interruttore WiFi | Ankuoo REC | Broadlink TC2 | Livolo
      Sonoff Touch | Sonoff T1 | Interruttore da parete touch WiFi | Italia
      Sonoff 4CH Pro R2 | Manuale italiano | Controllo tapparelle WiFi

      Per le luci un’opzione meno economica (e molto più potente) potrebbe essere:

      Philips Hue come funziona | Recensione completa

      Se non avessi particolari vincoli di budget si potrebbe prendere in considerazione BTicino Living Now appena uscito sul mercato.

      Dulcis in fundo, entrando in una casa esistente ti raccomando subito di rendere intelligente il riscaldamento: Netatmo termostato intelligente | BTicino Smarther | Miglior termostato WiFi. Poca spesa tanta resa (e comfort).

      1. Daniel Gatto

        Ti ringrazio per la risposta Emiliano, devo valutare perchè comunque stavo vedendo che questi articoli per funzionare vanno tutti con un gateway quindi sarebbe da prendere tutti prodotti della stessa famiglia per poter comunicare con un gateway unico collegato al router. Ora valuto se andare con il marchio Sonoff, oppure molto piu di design anche se non sono riuscito a trovare i prezzi, la BTcino.
        Per il termostato ho i riscaldamento e rinfrescamento a terra, quello magari si può mettere anche in seguito, sperando che non ci siano da fare modifiche all’impianto, per comodità penso che opterò BTcino oppure quello che mi hai consigliato te.
        Ti ringrazio ancora, molto gentile.
        Saluti
        Daniel Gatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.