Broadlink RM Mini3 Google Home

Broadlink RM Mini3 | Configurazione Google Home

Con Broadlink RM Mini3 puoi controllare con smartphone e Google Home la TV, il decoder Sky ed il condizionatore. Recensione e manuale in italiano per la configurazione con l’app IHC.

Broadlink RM Mini3

Il Broadlink RM Mini3 e’ un dispositivo smart praticamente unico sul mercato italiano, con queste caratteristiche:

  • sostituisce i telecomandi ad infrarossi di TV, decoder Sky e condizionatore
  • consente la gestione da remoto con lo smartphone mediante l’app dedicata IHC, disponibile per Android e iOS
  • compatibile con Google Home ed Amazon Alexa per comandare con la voce TV, Sky e condizionatore
  • compatibile con IFTTT per realizzare integrazioni avanzate
Broadlink RM Mini3

Puoi scoprire il fratello maggiore, in grado di clonare anche i telecomandi radio, leggendo il mio articolo Broadlink RM Pro.

Se vuoi controllare il tuo condizionatore con lo smartphone e Google Home leggi Condizionatore Google Home.

Broadlink RM Mini3 Unboxing

Nella confezione, oltre al Broadlink RM Mini3, troviamo anche un cavo micro-USB anti attorcigliamento:

Broadlink RM Mini3
Broadlink RM Mini3

Le dimensioni del Broadlink RM Mini3 sono davvero minime, 5,5 cm x 5,5 cm x 6,5 cm, anche quando confrontiamo il col fratello maggiore RM Pro:

Broadlink RM Mini3 vs Broadlink RM Pro
Broadlink RM Mini3 vs RM Pro

Osservando da vicino il Broadlink RM Mini3 e’ possibile notare:

  • sul davanti il LED che ne indica lo stato
  • sul retro troviamo la presa di alimentazione micro-USB per l’alimentazione ed il pulsante di reset

Broadlink RM Mini3: app IHC

Il primo passo per la configurazione iniziale del Broadlink RM Mini3 e’ di installare sullo smartphone l’app IHC (Intelligent Home Center), disponibile per Android e iOS

Poiché l’app e’ comunque a tutta la famiglia di prodotti Broadlink, trovi i dettagli nel mio articolo IHC Broadlink App istruzioni in italiano.

Sugli store sono purtroppo disponibili due versioni di Broadlink Intelligent Home Center:
raccomando caldamente di scaricare la versione “internazionale” Broadlink IHC.

Al primo utilizzo dovete registrarvi ai servizi in cloud Broadlink utilizzando le vostre credenziali Facebook oppure mediante e-mail e numero di telefono. Una volta inserite correttamente le credenziali atterrerete alla schermata principale dove sono presenti le seguenti funzionalità:

  • Accoppiamento di nuovi dispositivi Broadlink (o compatibili)
  • Elenco e gestione delle scene
  • Elenco e gestione dei dispositivi
  • Gestione profilo utente

Broadlink RM Mini3: accoppiamento con app IHC

Prima di procedere con la configurazione del Broadlink RM Mini3 fate le seguenti verifiche preliminari:

  • Identificare l’access point WiFi a cui il device dovrà essere connesso
  • Verificare che sia attiva la banda 2,4 GHz (i 5 GHz non sono supportati)
  • Assicurare che lo smartphone da cui effettuate la procedura di associazione sia collegato al medesimo router WiFi
  • Verificare il nome e la password WiFi contengano solamente lettere a-z (A-Z) e numeri 0-9
  • Verificare che la password WiFi non superi i 32 caratteri di lunghezza

Nel caso in cui il vostro router WiFi sia dual band (ovvero che supporti contemporaneamente le bande 2,4 e 5 GHz) dovete temporaneamente configurarlo per i soli 2,4 GHz pena non poter procedere.

Ora potete finalmente cominciare:

  • alimentate il dispositivo che dovete accoppiare al vostro profilo Broadlink
  • verificate che il LED blu a bordo del device lampeggi rapidamente, circa 2/3 volte al secondo, indicando di essere in modalità di configurazione
  • se il LED lampeggiasse premete il pulsante reset sul Broadlink RM Mini3 almeno 6 secondi

Il LED a bordo del Broadlink RM Mini3 si spegne confermando il successo dell’operazione di accoppiamento.

Broadlink RM Mini3: clonazione telecomando TV, Sky, condizionatore

Una volta completata la configurazione iniziale del Broadlink RM Mini3, L’operazione di clonazione di un telecomando ad inrarossi e’ davvero semplice e consiste in un wizard guidato che, nella maggior parte dei casi, non richiederà nemmeno di premere un pulsante:

Broadlink RM Mini3: creazione di una scena per Google Home

Vediamo ora come gestire una scena su Broadlink IHC, ovvero l’automazione di una sequenza di tasti che normalmente premeremmo manualmente sul vecchio telecomando.

Questo ci semplifica ulteriormente la vista nella gestione della TV via smartphone ma ci sara’ utile soprattutto per utilizzare dei comandi vocali semplici per cambiare canale su Google Home.

Come esempio creiamo una scena con la sequenza di tasti per mettere il canale Focus ovvero la sequenza di pulsanti 3-5):

L’esempio supporta un paio di raccomandazioni:

  • nel nome della scena specificate, oltre al nome dell’azione effettuata, anche l’apparecchio (telecomando) sul quale operate; verrà particolarmente utile nell’uso vocale con Google Home
  • inserite una pausa tra la pressione di un tasto ed il successivo per permettere alla TV di stare dietro all’operazione

Broadlink RM Mini3 e Google Home

Per approfondire potete leggere la mia Guida a Broadlink Google Home, nel seguito le operazioni fondamentali.

Per prima cosa dovete associare i profili Broadlink Google Home seguendo questa procedura sull’App Google Home dal vostro smartphone:

Effettuando la sincronizzazione dei dispositivi su Google Home tutti gli oggetti creati in IHC Broadlink sono immediatamente disponibile sull’app Google Home stessa all’interno del dispositivo BroadLink Smart Home:

Vi prego di osservare che:

  • i telecomandi clonati col Broadlink RM Mini3 si presentano come prese elettriche
  • le scene create su Broadlink IHC diventano scene anche su Google Home

Siamo finalmente pronti a controllare la TV mediante la voce con Google Home grazie al Broadlink RM Mini3:

  • Hey Google” sveglia Google Home
  • Accendi Panasonic TV” accende la TV
  • Metti Focus su Panasonic TV” oppure “Attiva Focus su Panasonic TV” esegue la scena creata su Broadlink IHC (preme tasti 3 e 5 sul telecomando Panasonic TV)
  • “Spegni Panasonic TV” spegne la TV

Osservazioni:

  • utilizzandolo con più apparecchi, e’ fondamentale creare le scene con un nome che include l’apparecchio stesso per risolvere le ambiguità a monte
  • non e’ obbligatorio creare routine personalizzate su Google Home
Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.