Archivi autore: La mia Casa Elettrica

Meross interruttore WiFi Smart Switch MSS710

Meross interruttore WiFi Smart Switch MSS710 | Alternative a Sonoff

Cerchi delle alternative a Sonoff ? Prova l’interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710. Compatibile con Alexa, Google Home ed IFTTT. Recensione completa.

Scopri anche le altre alternative a Sonoff senza dimenticare gli eccellenti Shelly 1 e Shelly 2.5.

Interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710

Meross e’ un’azienda cinese, con presenza negli Stati Uniti, con una vasta gamma di prodotti per la domotica WiFi di alta qualità tra cui l’interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710.

Interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710
Interruttore WiFi MSS710

Le caratteristiche di base del Meross MSS710 sono le seguenti:

Collegamento dispositivo in rete mediante WiFi a 2,4 GHzControllo remoto da qualsiasi luogo mediante smartphone di qualsiasi carico elettrico
Controllo via LAN in caso di assenza di connessione internetControllo vocale mediante Google Home e Amazon Alexa. Compatibile con IFTTT
Sincronizzazione stato del carico elettrico in tempo reale su smartphoneProgrammazione orari di accensione e spegnimento
Condivisione controllo e stato con altre personeUna scena esegue automaticamente un'azione su più dispositivi in base ad un evento (tap su app, una soglia su un dato misurato, lo stato di un altro dispositivo)

Vorrei in particolare soffermarmi su:

  • Dimensioni: 98 mm x 47 mm x 23 mm (paragonabili a quelle di un Sonoff Basic)
  • Carico massimo gestibile: 10 A corrispondenti a 2.200 W
  • Chipset Mediatek per una portata e stabilita’ maggiore nella connessione WiFi

Unboxing interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710

Ecco qualche foto dopo l’unboxing:

interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710

Togliendo i gusci alle estremità accediamo ai morsetti elettrici di collegamento:

dell'interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710

Rimuovendo il guscio principale possiamo vedere l’ottima fattura della scheda elettronica:

dell'interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710

Collegamento interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710

Possiamo effettuare il collegamento tramite i morsetti a vite facendo bene attenzione a distinguere tra input (ingresso) ed output (uscita) seguendo l’indicazione presente sopra al dispositivo:

  • due conduttori di ingresso (In) per l’alimentazione: fase (L) e neutro (N)
  • due conduttori di uscita (Out) per il carico elettrico: fase (L), neutro (N)
Collegamento interruttore WiFi Meross Smart Switch MSS710

Nello schema elettrico i cavi di neutro sono di fatto comuni tra ingresso ed uscita: questo vuol dire che il contatto di uscita non fa altro che interrompere la fase dell’ingresso come in un interruttore unipolare: non e’ un contatto pulito ma un interruttore WiFi comandato mediante l’app Meross.

App Meross, Google Home, Alexa ed IFTTT

La gestione da remoto dell’interruttore WiFi e’ assicurata dall’app Meross, disponibile per Android ed iOS.

Dopo aver scaricato l’app Meross sul vostro smartphone:

  • create un profilo di registrazione
  • assicuratevi che il LED sull’interruttore WiFi lampeggi
  • accoppiate l’interruttore WiFi all’app seguendo la seguente procedura:

Per l’utilizzo con Alexa, Google Home ed IFTTT occorre effettuare l’associazione tra i profili dei vari servizi.

Per un approfondimento vi rimando direttamente alle guide in lingua inglese:

Altri prodotti della famiglia Meross: presa, multipresa, apri porta garage

La famiglia di prodotti smart e’ particolarmente completa ed include anche i seguenti prodotti:

Questa e’ sicuramente un’alternativa agli ecosistemi Sonoff, Smart Life e Shelly da prendere in considerazione.

Potrebbe interessarti anche:
IFTTT Sonoff eWeLink | Guida completa in italiano

IFTTT Sonoff eWeLink | Guida completa in italiano

Vuoi superare i limiti delle scene Sonoff eWeLink ? Utilizzando Sonoff IFTTT puoi realizzare scenari complessi di funzionamento ed integrare servizi e dispositivi esterni. La mia guida completa in italiano a IFTTT Sonoff eWeLink.

Stai valutando delle alternative a Sonoff ? Scopri anche Ankuoo RECeMylo WiFi, Mimoo ed il nuovo Shelly 1 One.

Guida IFTTT tutorial italiano

IFTTT e’ una piattaforma gratuita che permette, in modo molto semplice, di far interagire tra di loro centinaia di applicazioni e dispositivi tra i più diffusi, come ad esempio:

In IFTTT applicazioni e dispositivi sono chiamati services (servizi): possiamo trovarli attraverso l’apposita pagina di ricerca.

Ho provato a costruire uno schema di massima, nell’esempio IFTTT Sonoff, per far capire come tutte le interazioni avvengano attraverso servizi in cloud che cooperano tra di loro:

IFTTT Sonoff

Questo evidenzia alcuni aspetti importanti:

  • la presenza di una buona connettività internet e’ fondamentale per il buon funzionamento del sistema
  • i tempi di risposta e la disponibilità del sistema complessivo dipende da quelle dei singoli servizi in cloud
  • in termini di sicurezza la gestione del nostro sistema di domotica avviene anche al di fuori della nostra abitazione

Pensi che la copertura del segnale WiFi nella tua abitazione non sia sufficiente ? Leggi Quale ripetitore WiFi scegliere per la tua casa intelligente.

La parte più interessante e’ come fare interagire tra di loro applicazioni e dispositivi mediante le cosiddette applets: questo ci può consentire, entro certi limiti, di fare qualsiasi azione in base ad un evento.

La logica di programmazione delle applets e’ infatti del tipo se accade un determinato evento (trigger) esegui una determinata azione (action), ovvero If This, Then That (IFTTT).

Vediamo qualche esempio semplice ma concreto di applets:

  • Quando arrivi a casa accendi le lampadine Philips Hue
  • Manda una notifica di livello basso delle batterie delle telecamere Arlo

Esistono moltissime applets pronte da attivare ma ovviamente potrete creare quelle a voi più utili.

L’aspetto più interessante, oltre all’integrazione di dispositivi ed applicazioni eterogenee, e’ che possiamo realizzare degli scenari di funzionamento non possibili nei dispositivi stessi.

L’app di gestione IFTTT e’ disponibile sia per Android che iOS.

Limitazioni in Sonoff eWeLink

Per la mia esperienza personale i vincoli principali di Sonoff eWeLink sono i seguenti:

  • non e’ possibile nativamente interagire con dispositivi intelligenti non compatibili con Sonoff eWeLink
  • non e’ possibile interagire con servizi esterni all’ecosistema Sonoff eWeLink
  • e’ possibile creare scene Sonoff eWeLink esclusivamente tra dispositivi differenti per evento ed azione (ad esempio non possiamo creare una scena che coinvolge due canali distinti del medesimo dispositivo)

Se ve ne vengono in mente altri commentate l’articolo in modo che possa aggiornarlo.

IFTTT Sonoff eWeLink Smart Home

Vediamo ora in dettaglio come funziona il duo Sonoff IFTTT.

La famiglia di dispositivi Sonoff e’ pienamente supportata da IFTTT col servizio denominato eWeLink Smart Home:

eWeLink Smart Home IFTTT Sonoff
eWeLink Smart Home

Fanno eccezione i dispositivi seguenti attualmente non supportati nell’integrazione Sonoff IFTTT: Sonoff iFan02, RF Bridge 433, iFan, Sonoff SC, Sonoff B1.

IFTTT Sonoff eWeLink Smart Home: installazione e configurazione

Le operazioni preliminari da eseguire sono le seguenti:

  • download ed installazione dell’app eWeLink sul vostro smartphone
  • creazione del profilo eWeLink
  • associazione dei vostri device Sonoff ad eWeLink

Nel caso non lo abbiate ancora fatto vi rimando alla lettura della mia guida ad eWeLink.

La procedura di installazione e configurazione iniziale per Sonoff IFTTT e’ la seguente:

  • scaricate sul vostro smartphone l’app IFTTT, disponibile sia per Android che iOS
  • registratevi al servizio IFTTT creando le vostre credenziali di accesso
  • all’interno dell’app IFTTT, collegate il servizio eWeLink Smart Home (utilizzando le vostre credenziali di accesso ad eWeLink)

E’ disponibile una serie di applets IFTTT Sonoff già pronte e solo da configurare:

L’opportunità più interessante e’ quella di creare una nuova applet Sonoff IFTTT che soddisfi le nostre esigenze ed in particolare che possa superare alcune delle limitazioni della sola app Sonoff eWeLink.

Sonoff IFTTT eWeLink Smart Home: esempio di applet su canali differenti dello stesso dispositivo

Possiamo ora creare la prima applet IFTTT Sonoff per realizzare un comportamento non gestibile mediante scene Sonoff eWeLink: su un Sonoff 4CH Pro R2: se si accende l’uscita tre allora viene accesa l’uscita quattro sul medesimo dispositivo.

Vi prego di notare come nella schermata di configurazione di un trigger e di una action IFTTT che utilizzino il servizio eWeLink Smart Home, sia possibile utilizzare esclusivamente interruttori WiFi, prese smart e dimmer compatibili Sonoff:

Un altro dettaglio che faccio osservare e’ che in realtà, a livello di servizio IFTTT eWeLink Smart Home, non c’e’ alcuna differenziazione tra prese ed interruttori Sonoff come chiaramente visibile in questo esempio:

Sonoff IFTTT eWeLink Smart Home: esempio di applet col servizio WeatherUnderground

Un secondo esempio e’ una applet IFTTT per poter comandare l’accensione di un Sonoff Basic al tramonto sfruttando il servizio Weather Underground, specializzato nel”offrire previsioni meteo, che prevede tra l’altro un evento di trigger Sunset (tramonto).

Per semplicità in questo esempio ho utilizzato e configurato direttamente una applet IFTTT già esistente che utilizza i servizi eWeLink Smart Home e Weather Underground:

IFTTT Sonoff: esempio di applet tra un dispositivo Smart Life ed uno eWeLink

In questo terzo esempio di applet IFTTT con un dispositivo Sonoff, vedremo come accendere un Sonoff Basic in seguito all’accensione di un altro dispositivo intelligente compatibile Smart Life.

Nell’esempio specifico il dispositivo era un televisore controllato mediante il Docooler A1 Smart Life compatibile.

Per approfondimenti ulteriori vi rimando alla lettura della mia guida a Smart Life.

Diagnostica, affidabilità e tempi di risposta

Sperando che grazie alla lettura della mia guida sull’utilizzo di IFTTT con Sonoff vi siano venute un sacco di idee, vorrei anche soffermarmi sugli strumenti disponibili nel caso qualcosa non funzioni come da noi atteso.

In questo senso possiamo utilizzare lo storico degli eventi disponibile sia su IFTTT, a livello di singola applet, che su eWeLink, a livello di dispositivo.

Come esempio ho creato due applet che utilizzano un Button Widget che, rispettivamente, accendono e spengono un Sonoff Touch:

Selezionando View activity sulle due applet accediamo allo storico che possiamo confrontare con quello del dispositivo su eWeLink:

In questo caso tutto torna.

Visto che ci siamo ho anche fatto un test sull’affidabilità ed i tempi di risposta dell’integrazione tra IFTTT e Sonoff eWeLink Smart Home al fine di verificare:

  • se tutte le azioni lato IFTTT fossero effettivamente eseguite sul dispositivo Sonoff
  • il tempo necessario all’attraversamento servizio IFTTT, servizio eWeLink Smart Home, dispositivo Sonoff

Per questo ho creato una applet che ad ogni ora accende il quarto canale di un Sonoff 4CH Pro R2 (lo spegnimento avviene automaticamente mezz’ora dopo tramite la variazione graduale / inching). Il risultato e’ il seguente:

Nonostante la durata del test sia limitata, direi che l’affidabilità e’ confermata mentre i tempi di risposta sono piuttosto variabili: tenetene sempre contro prima di immaginare un”applicazione di IFTTT in cui l’azione finale debba essere strettamente in tempo reale con l’evento scatenante.

Sonoff IFTTT e scene eWeLink

Tocchiamo ora un punto dolente, per non dire incompleto, dell’integrazione tra IFTTT e Sonoff: le scene eWeLink.

Supponiamo di avere delle scene eWeLink che coinvolgono più dispositivi come in questo esempio che implementa parte della la logica di un punto luce deviato comandato da un Sonoff Touch ed un Sonoff T1:

Nel caso volessi approfondire leggi la mia guida a Sonoff Touch e T1.

Analizzando gli storici ci rendiamo purtroppo conto che:

  • le scene su eWeLink non vengono eseguite se l’evento scatenante sul dispositivo Sonoff e’ risultato dell’azione di una applet IFTTT (evidenziate in verde)
  • le scene vengono normalmente eseguite se l’evento sul dispositivo e’ dal pulsante fisico o comandato tramite eWeLink (evidenziate in rosso)

Questo problema non affligge, ad esempio, l’integrazione con Google Home. Quindi, per ora, ripensateci prima di utilizzare IFTTT con scene eWeLink.

eWeLink App Sonoff istruzioni in italiano complete per interruttori WiFi

eWeLink App Sonoff | Guida e istruzioni complete in italiano

eWeLink App Sonoff guida e istruzioni complete in italiano. Come creare scene e timer, come funziona l’inching e cosa fare quando Sonoff non si accoppia.

Se eWeLink non funziona leggi anche Sonoff rete non disponibile | Sonoff non in linea: diagnosi e modalità LAN.

Scopri anche il nuovo Sonoff Basic R3 e BTicino Living Now.

Stai valutando delle alternative a Sonoff ? Scopri anche Ankuoo RECeMylo WiFi, Mimoo ed il nuovo Shelly 1 One.

La gestione da remoto degli interruttori WiFi Sonoff e compatibili avviene utilizzando eWeLink App per smartphone, disponibile sia per piattaforma iOS che Android.

Le funzionalità di base sono le seguenti:

Collegamento dispositivo in rete mediante WiFi a 2,4 GHzControllo remoto da qualsiasi luogo mediante smartphone di qualsiasi carico elettrico
Controllo via LAN in caso di assenza di connessione internetControllo vocale mediante Google Home e Amazon Alexa. Compatibile con IFTTT
Sincronizzazione stato del carico elettrico in tempo reale su smartphoneProgrammazione orari di accensione e spegnimento
Condivisione controllo e stato con altre personeUna scena esegue automaticamente un'azione su più dispositivi in base ad un evento (tap su app, una soglia su un dato misurato, lo stato di un altro dispositivo)

eWeLink App istruzioni in italiano complete | Per interruttori WiFi Sonoff

Una volta scaricata l’applicazione, disponibile in italiano, vengono richieste le credenziali di accesso:

La Registrazione per utenti dall’Italia e’ supportata tramite email: riceverete un messaggio di posta elettronica contenente un codice di verifica da inserire in App insieme alla password da voi scelta.

Potete accedere con le vostre credenziali da un solo smartphone per volta.

Nel caso riceviate un errore di rete in fase di autenticazione:

eWeLink Sonoff

Questo potrebbe essere dovuto all’impossibilita’ da parte dell’app di raggiungere i server in cloud. Verificate la raggiungibilità, ad esempio mediante il comando ping, verso gli indirizzi eu-long.coolkit.cc, eu-api.coolkit.cc e api.coolkit.cc.

Home Page eWeLink App Sonoff

Una volta inserite correttamente le credenziali atterrerete alla schermata principale dove sono presenti le seguenti funzionalità:

  • Elenco e gestione dei dispositivi
  • Elenco e gestione delle scene
  • Gestione profilo utente
  • Aggiunta di nuovi dispositivi

Dalla home dell’app eWeLink per ciascun device potete:

  • consultare lo stato corrente (online / offline / LAN) e intensità del segnale WiFi
  • visualizzare lo stato ed accendere/spegnere il singolo canale
  • ricevere notifica della disponibilità di aggiornamenti firmware
eWeLink

Nel caso abbiate parecchi dispositivi da gestire e’ possibile suddividerli in gruppi, in questo esempio i gruppi “Garage”, “Luci Garage” e “Test”:

eWeLink Sonoff
eWeLink Gruppi

eWeLink App Sonoff istruzioni italiano accoppiamento dispositivi

eWeLink App comunica con i dispositivi, recuperando stato ed inviando comandi, attraverso dei server in cloud. Ciascun device e’ a sua volta collegato ad internet attraverso il WiFi di casa.

Interruttore WiFi Sonoff TH10A e presa S20 Smart Socket

Per questo motivo per ciascun nuovo device Sonoff occorre prima di tutto:

  • configurare le credenziali dell’access point WiFi che utilizzeranno
  • accoppiare il dispositivo stesso col nostro profilo memorizzato sui server eWeLink in cloud

I passi da seguire sono abbastanza semplici e non desistete anche nel caso che Sonoff non si accoppia al primo tentativo.

Le istruzioni preliminari per l’accoppiamento di un dispositivo sono le seguenti:

  • Identificare l’access point WiFi a cui il device dovrà essere connesso
  • Verificare che sia attiva la banda 2,4 GHz (i 5 GHz non sono supportati)
  • Assicurare che lo smartphone da cui effettuate la procedura di associazione sia collegato al medesimo router WiFi
  • Verificare che il nome e la password WiFi contengano solamente lettere maiuscole (a-z), lettere minuscole (A-Z) o numeri (0-9)
  • Verificare che la password WiFi non superi i 32 caratteri di lunghezza

A questo punto potete procedere con l’accoppiamento premendo il pulsante sul dispositivo per 7 secondi fino a che il LED non cominci a lampeggiare:

Nel caso della lampadina LED WiFi B1 l’accoppiamento viene avviato ripetendo per tre volte una sequenza di spegnimento ed accensione con frequenza di 2 secondi fino quando la lampadina comincia a “respirare”:

Sonoff B1 eWeLink

Ora potete tornare ad eWeLink app continuando nel modo che segue:

  • Tappare sull’icona in basso di Aggiungi Dispositivo dalla home
  • Tappare su Quick Pairing per avviare la procedura effettiva di accoppiamento
  • Inserire nome e password dell’access point WiFi
eWeLink Sonoff
  • Attendere con pazienza il completamento dell’operazione di registrazione ed accoppiamento che può richiedere da 1 a 3 minuti
  • Assegnare un nome al nuovo dispositivo appena accoppiato al sistema

Il LED a bordo del dispositivo rimane acceso confermando il successo dell’operazione. Tornando alla schermata principale dell’applicazione troverete il dispositivo online:

eWeLink Sonoff
 Nel caso vogliate successivamente cambiare rete WiFi, dovrete eseguire preliminarmente i passi seguenti per ciascun dispositivo:

  1. cancellare il dispositivo dall’app eWeLink
  2. ripetere la procedura di accoppiamento al vostro profilo eWeLink utilizzando le credenziali del nuovo access point WiFi

eWeLink App: Sonoff non si accoppia che fare

Se Sonoff non si accoppia, potreste trovarvi in una delle due situazioni seguenti:

  • L’app eWeLink rimane sospesa in fase di accoppiamento (indicando eventualmente di aver trovato un dispositivo)
  • Viene restituito un errore esplicito di Accoppiamento non riuscito

Per risolvere il problema Sonoff non si accoppia, occorre procedere nel modo seguente:

  1. verificare nuovamente che l’access point WiFi sia a 2,5 GHz
  2. verificare il nome e la password WiFi contengano solamente lettere a-z (A-Z) e numeri 0-9
  3. provare ad avvicinare il dispositivo al router WiFi se troppo lontano
  4. ripetere la procedura di accoppiamento sull’app eWeLink
  5. eseguire la procedura di accoppiamento con altro access point WiFi se disponibile
  6. eseguire la procedura di accoppiamento con un hotspot WiFi (ad esempio uno smartphone)

Se il problema Sonoff non si accoppia permane, verificate sull’app eWeLink che la modalità di accoppiamento selezionata sia coerente con la frequenza di lampeggio del LED sul dispositivo:

  • se il LED lampeggia alternativamente due volte velocemente ed una lentamente, dovete usare Quick Pairing mode (default)
  • se il LED lampeggia velocemente, dovete usare Compatible Pairing mode (AP)

Nel caso di smartphone iOS per il Compatible Pairing mode dovrete far collegare lo smartphone alla rete WiFi creata dal device stesso con nome del tipo ITEAD-100000xxx e password 12345678:

eWeLink Sonoff

E poi avviare l’accoppiamento vero e proprio in Compatible Pairing mode.

Nel caso pensiate che sia un problema di copertura WiFi leggete Sonoff rete non disponibile.

Reset Sonoff – Come resettare

Ci sono situazioni in cui non potreste venire a capo con i vostri dispositivi intelligenti ITead: per ritornare ad una situazione conosciuta, possiamo fare il reset dei Sonoff. Ecco come resettare:

  • se il dispositivo risulta associato su app, per fare il reset Sonoff, procedete prima alla sua rimozione dal vostro profilo
Sonoff reset come resettare
Sonoff reset – Come resettare
  • in tutti gli altri casi, anche se il dispositivo era associato ad un altro profilo, per fare il reset Sonoff ripetete semplicemente dall’inizio la procedura di accoppiamento

eWeLink App Sonoff istruzioni italiano dettaglio dispositivo

Dalla home di eWeLink potete accedere alle funzionalità disponibili per ciascun dispositivo, ovviamente dipendenti dal modello.

Le funzionalità comuni a tutta la famiglia di dispositivi controllati da eWeLink App sono:

  • Impostazioni dispositivo: per cambiare il nome del dispositivo, versione firmware, notifiche e stato all’accensione (on/off/ultimo stato)
  • Condivisione: per condividere la gestione dei dispositivi Sonoff con altri utenti eWeLink
  • Orario: per gestire dei timer (ad orari programmati, countdown, loop) di accensione/spegnimento del dispositivo
  • Scene: per programmare delle azioni su più dispositivi Sonoff in base ad eventi (click, temperatura/umidità, stato di un altro device)

Come primo esempio prendiamo in considerazione il Sonoff 4CH Pro R2:

Come secondo esempio utilizziamo il Sonoff TH16, dove si possono vedere immediatamente, oltre allo stato del dispositivo, temperatura ed umidità:

Quale terzo esempio un Sonoff Basic:

Dulcis in fundo un Sonoff T1 a due canali:

Impostazioni dispositivo Sonoff

Vediamo ora le impostazioni comuni a tutti i dispositivi:

  • configurare lo stato all’accensione di ciascun canale di uscita: acceso (ON), spento (OFF), ultimo stato prima dello spegnimento (PRESERVA)
  • disattivare il LED a bordo del dispositivo (per risparmiare qualche goccia di energia, ma attenzione che perdete la diagnostica dei problemi di connettività)
eWeLink Sonoff
Disabilita Indicatore
  • abilitare le notifiche su App delle variazioni di stato del singolo canale
eWeLink Sonoff App
  • disabilitare la possibilità di accendere/spegnere contemporaneamente tutte le uscite
  • abilitare l’interblocco (interlock) tra le uscite in dispositivi multicanale

Variazione graduale o inching eWeLink Sonoff

Una delle opzioni di gran lunga più interessanti e’ la possibile di abilitare la temporizzazione delle uscite tramite l’app eWeLink sui Sonoff (variazione graduale o inching)

La temporizzazione (variazione graduale o inching) nei dispositivi Sonoff e’ una funzionalità utilissima che funziona con tutti i dispositivi (anche quelli compatibili) ad eccezione del Sonoff TH16 e vi permette di trasformare la singola uscita del vostro dispositivo in un pulsante WiFi temporizzato con durata configurabile tra 0,5 secondi ed 1 ora (con incremento di 0,5 secondi).

Ancora più interessante e’ che la temporizzazione funziona anche col dispositivo non connesso.

E’ possibile condividere con altri utenti eWeLink la gestione dei singoli dispositivi . E’ la modalità che dovete adottare per poter gestire contemporaneamente da due smartphone differenti il medesimo dispositivo creando due credenziali di accesso differenti.

Le pre-condizioni per poter effettuare l’operazione di condivisione dall’app eWeLink sono le seguenti:

  • l’account ricevente deve essere loggato sullo smartphone
  • l’app eWeLink deve essere attiva sul telefono ricevente
  • smartphone mittente e ricevente devono essere entrambi collegati ad internet

Come esempio riporto la procedura per la condivisione di un Sonoff Basic con un altro utente eWeLink già esistente:

Vi prego di notare come dall’app eWeLink sia possibile la condivisione di più dispositivi contemporaneamente.

Sullo smartphone ricevente l’esperienza eWeLink di condivisione sara’ invece la seguente:

eWeLink Sonoff programmazione timer

A titolo illustrativo vi propongo le istruzioni italiano per creare un timer che accende ogni giorno alle 08:00  e spegne alle 08:20 il dispositivo Sonoff TH16:

Nel caso di device con più canali e’ possibile selezionarli singolarmente:

Sonoff eWeLink timer

eWeLink App Sonoff istruzioni italiano programmazione scene

Sull’app eWeLink e’ possibile creare e gestire delle scene che servono ad eseguire automaticamente delle azioni su un dispositivo in funzione di una condizione.

Ci sono tre tipologie di condizione utilizzabili in alternativa nelle scene sull’app eWeLink:

  • tap sull’app (per accendere o spegnere più dispositivi contemporaneamente)
  • timer (per avviare la scena ad un’orario prefissato)
  • dispositivo (stato di un canale o dato misurato come ad esempio la temperatura o l’umidità nel Sonoff TH16)
Condizione scene eWeLink
Condizione scene eWeLink

Qualche punto di attenzione importante sull’utilizzo delle scene Sonoff:

  • lo stesso dispositivo non può essere sia nella condizione che nel target di esecuzione
  • l’esecuzione può riguardare più canali di un medesimo dispositivo ma non più dispositivi contemporaneamente
  • nel caso di condizione su base dispositivo, può anche essere specificata una ulteriore condizione temporale su giorni ed orari di possibile esecuzione
  • non funzionano quando i dispositivi coinvolti non sono connessi ad internet
  • non possono essere condivise

Partiamo ora con una serie di esempi di scene, la prima con una condizione su base tap per eseguire l’accensione dei canali tre e quattro di un Sonoff 4CH Pro R2:

L’apertura o chiusura contemporanea di due tapparelle di casa comandate dallo stesso dispositivo e’ l’applicazione perfetta di questa tipologia di scene eWeLink.

Vediamo ora un secondo esempio con le istruzioni per accendere il secondo canale di un Sonoff 4CH Pro R2 quando venga superata una soglia di umidità misurata dal Sonoff TH16 ma solamente nei giorni feriali tra le 08:00 e le 19:00:

Come terzo esempio vediamo le quattro scene necessarie per poter configurare un Sonoff Touch US ed un canale di un Sonoff T1 US come due deviatori in punto luce deviato:

Per approfondire questo esempio leggi il mio articolo su Sonoff Touch.

Se le scene di eWeLink non vi fossero sufficienti per qualche motivo come ad esempio:

  • usare canali diversi di un medesimo dispositivo per condizione e target di esecuzione
  • interagire con dispositivi esterni
  • eseguire azioni in base all’orario di tramonto ed alba

allora potreste cominciare ad utilizzare anche IFTTT come spiego nel mio articolo IFTTT Sonoff.

Un’alternativa ulteriore e’ quella di utilizzare le routine personalizzate come spiego in Sonoff Google Home.

Numero massimo dispositivi Sonoff, timer e scene

Una domanda frequente riguarda il numero massimo di dispositivi gestibili: la risposta si trova nella pagina di dettaglio ITEAD: EWeLink Introduction.

In estrema sintesi:

  • numero massimo di dispositivi gestibili: 150
  • numero massimo di timer per dispositivo Sonoff: 8
  • numero massimo di scene memorizzabili: 21

Sul sito di supporto ho pero’ provato il thread eWeLink and limited devices for Scene che suggerisce la seguente conclusione per quanto non documentata:

  • numero massimo di dispositivi gestibili: 18

Questi limiti diventano rilevanti quando cominciate ad utilizzare parecchi dispositivi Sonoff, scene e timer col medesimo profilo eWeLink.

eWeLink App per Android – Ultime Release

VersioneDataDescrizione
3.10.109-08-2019- Condivisione device multipli
- Aggiunta timer come evento di una scena
- Ripristino variazione graduale (inching) Sonoff 4CH Pro
3.9.012-07-2019- Opzione attivazione/disattivazione modalità LAN
- Supporto dispositivi multi-canale in modalità LAN
3.8.012-06-2019- Opzione abilita/disabilita scene
- Opzione orario di funzionamento scene
3.7.022-05-2019- Rimozione variazione graduale (inching) Sonoff 4CH Pro
- Aggiornamento UI Sonoff TH10/TH16
3.6.116-04-2019- Aggiungi Camera per associare telecamere compatibili
- Allarme sovraccarico in modalità LAN per Sonoff Pow/Pow R2 (FW 3.0.0)
- Variazione Graduale (Inching) singola uscita dispositivi multi-canale (FW 3.0.0)

Nel caso vi serva una versione più vecchia di quella correntemente disponibile sul Play Store, potete eventualmente fare riferimento ad Aptoide.

Telecamera auto Dash Cam come scegliere | Recensione Aukey 4K DR02J

Vuoi assicurarti la documentazione video di qualsiasi evento ti possa accadere mentre sei alla guida o la tua autovettura e’ in parcheggio ? Scopri come scegliere una telecamera auto o dash cam. Recensione completa della Aukey DR02J.

Se ti interessa la sicurezza in mobilita’, leggi anche GPS tracker per auto, Telecamera con SIM 4G e Casco bici con telecamera integrata.

Perché una telecamera per auto Dash Cam e non uno smartphone ?

Il primo quesito che sorge spontaneo e’ se sia ancora attuale acquistare una telecamera per auto o Dash Cam invece di utilizzare lo smartphone con un’app dedicata.

La risposta e’ decisamente affermativa per i motivi seguenti:

  • una dash cam, dopo l’installazione, non richiede nessuna interazione: la registrazione parte e si interrompe automaticamente
  • gli smartphone hanno un’ottica con un’ampiezza del campo visivo (FOV) decisamente inferiore rispetto ad una telecamera per auto
Telecamera per auto Dash Cam FOV
  • una dash cam e’ dotata di un sensore ottimizzato per operare in condizioni di scarsa illuminazione (come i Sony Exmor)
Telecamera per auto Dash Cam Sony Exmor
Sensore d’immagine Sony Exmor
  • uno smartphone può surriscaldarsi dopo un elevato numero di ore dedicato alla registrazione video
  • riduzione nella durata di smartphone e scheda di memoria
  • l’accelerometro interno ad una telecamera per auto assicura che i file siano salvati in caso di incidente nonché avvia la registrazione nel caso che qualcuno tocchi la vostra autovettura mentre e’ parcheggiata
  • una dash cam e’ decisamente meno visibile e non attira male intenzionati

Caratteristiche di una telecamera per auto Dash Cam

Partiamo dalle caratteristiche a cui porre particolare attenzione quando scegliamo una nuova telecamera per auto o dash cam:

  • telecamera singola o doppia
  • risoluzione, frame rate, codifica e formato di registrazione dei video
  • caratteristiche del sensore d’immagine e del microprocessore
  • WDR
  • ampiezza del campo visivo
Differenti ampiezze del campo visivo per una telecamera per auto dash cam
Differenti ampiezze del campo visivo per una telecamera per auto
  • gamma di temperatura ambientale
  • capacità scheda di memoria
  • accelerometro
  • sensore GPS
  • modalità parcheggio
  • connettività WiFi

Approfondiamo meglio alcune di questi aspetti.

Qualità video: risoluzione, frame rate, codifica e formato di registrazione

In funzione della qualità dei video prodotti dalla dash-cam:

  • potremo estrarre informazioni rilevanti come targhe, dettagli di altri veicoli / persone e particolari ambientali
  • produrremo file con dimensioni molto differenti
Telecamera per auto dash cam risoluzione video
Principali risoluzioni video standard

Come riferimento ho sintetizzato in questa tabella le risoluzioni video standard ed i corrispondenti sensori d’immagine necessari:

DescrizioneRisoluzione (Pixel)Sensore (MPixel)
4KUltra HD3840 x 2160> 8,3
2KQuad HD2560 x 1440> 3,7
1080pFull HD1920 x 1080> 2,1
720pHD1280 x 720> 0,9

Se aggiungiamo la profondità di colore e la frequenza dei fotogrammi (frame rate) otteniamo numeri particolarmente importanti:

Questi numeri spiegano perché si usino algoritmi di compressione o codifica video, come H.264 e H.265, per ridurre drasticamente il volume effettivo di dati memorizzati o scambiati:

Nell’utilizzo pratico di una telecamera per auto, un frame rate di 30 fps e’ più che sufficiente; 60 fps o superiori servono quando dobbiate fare anche slow-motion.

Sensore di immagine e microprocessore

Verificare modello di sensore di immagine e processore vi permette di controllare che le prestazioni dichiarate della dash cam, in termini di qualità video, siano effettivamente plausibili.

Come riferimento ho raccolto i sensori di immagine più’ utilizzati dai modelli più’ potenti disponibili sul mercato:

PRODUTTOREMODELLORISOLUZIONE
OmniVisionOV46894,1 MPixelfino a 2K
ON SemiconductorAR05215,1 MPixelfino a 2K
SonyIMX3355,1 MPixelfino a 2K
SonyIMX3266,8 MPixelfino a 2K
OmniVisionOS08A108,3 MPixel4K

Ad esempio la dash cam Aukey 4K DR02J, dotata di sensore d’immagine AR0521, può arrivare al più ad una risoluzione video 2K. Il suo nome commerciale e’ quindi un po’ fuorviante per quanto le caratteristiche tecniche siano coerenti tra di loro.

Migliore telecamera per auto o Dash Cam

Ho provato a stilare una lista non esaustiva dei migliori modelli di dash cam con una telecamera disponibili sul mercato italiano che abbiano una risoluzione video massima pari ad almeno 2K Quad HD:

Modello      
AZDOME M06P4K160 °512 GB   
BlackVue DR900S-1CH4K162 °256 GB   EUR 469,99
Toguard CE50PRO4K170 °32 GB   Non disponibile
Roav C1 Pro4K???32 GB   
VAVA 2K-VD0054K155 °128 GB  EUR 117,19
VIOFO A119 V34K140 °256 GB EUR 119,99
Toguard CE504K170 °32 GB EUR 59,98
Aukey DR02J4K157 °128 GBEUR 89,99

Dash Cam Telecamera auto 4K Aukey DR02J

Dash Cam Telecamera auto 4K Aukey DR02J
    null
  • An advanced image sensor and super-wide field of view capture everything in ultra-sharp 4K video with HDR. Also captures stills and optional in-car audio
  • Emergency Recording automatically captures unexpected driving incidents and protects the recordings. Loop Recording allows continuous use by writing over old, unneeded footage
  • Connect to the AUKEY GM-32 GPS Antenna (sold separately) to embed location & speed data for trip tracking and greater protection

Specifiche Dash Cam Telecamera auto 4K Aukey DR02J

  • Sensore immagine: AR0521 5,1-megapixel 1/2,5″ CMOS Sensor
  • Schermo: 1,5″ LCD
  • Risoluzioni registrazione: 2160p (24 fps), 1440p (30 fps), 1296p (30 fps), 1080p (60 fps), 1080p (30 fps), 720p (120 fps), 720p (60 fps), WVGA, VGA
  • Temperatura operativa: -30°C – 75°C
  • Dimensioni: 77 x 51 x 37mm

Unboxing Dash Cam Telecamera auto 4K Aukey DR02J

  • Aukey DashCam
  • Supporti e accessori
  • Cavo MiniUSB
  • Manuale utente
  • Garanzia 24 mesi
PulsanteRegistrazionePlaylist
& Setup
Playback
Registrazione d'EmergenzaRitornaRitorna / Ferma
- Playlist (breve)
- Accendi / Spegni Registrazione Audio (Lungo)
SuCancellare / Riavvolgere
- Installazione (breve)
- Scatta foto (lungo)
Giu'Stop&Riprendi / Avanti Veloce
- Accendi / Spegni SchermoEntra / ConfermaPlay / Pausa
RESETPremere brevemente per ripristinare le impostazioni di fabbrica

Prima e dopo il montaggio:

Dentro e fuori:

Cablaggio e sensore GPS aggiuntivo:

Potrebbe interessarti anche:
Xiaomi Smart Plant Flower Care

Xiaomi Smart Monitor Flower Care: e ritrovi il tuo pollice verde !

Hai smarrito il tuo pollice verde ? Una soluzione e’ lo Xiaomi Smart Monitor Flower Care: grazie ai sensori di luminosità, umidità, temperatura e nutrienti del terreno il tuo smartphone ti consigliera’ il momento giusto per innaffiare fiori e piante affinché crescano sempre rigogliosi. Recensione e guida completa in italiano.

Se ami il giardinaggio leggi anche i miei articoli su centralina irrigazione WiFi e robot tosaerba.

Consigli per avere un pollice verde

I fiori sul balcone dei vicini sono sempre splendidi:

Consigli per avere un pollice verde

e vorremmo dimenticare il vasetto che adornava la nostra casa:

Consigli per avere un pollice verde

Per diventare un vero pollice verde basta provare a seguire qualche semplice consiglio, adatto sia per la coltivazione di fiori che verdure o piante aromatiche.

Nel caso che questi consigli non dovessero bastare col vostro pollice nero e siate patiti di domotica, uno Xiaomi Smart Plant Flower Care potrebbe fare al caso vostro.

Per la stagione invernale potreste anche prendere in considerazione l’utilizzo di una serra smart idroponica.

Vaso, terriccio e semi

Scegliete un vaso adatto, possibilmente di terracotta, con buchi alla base e di dimensioni adeguate per contenere la vostra pianta.

Utilizzate un terriccio ricco di nutrienti; al posto di costosi fertilizzanti potreste sfruttare gli scarti vegetali della cucina per produrre un fertilizzante versatile ed ecologico come spiego nel mio articolo sulla compostiera domestica.

Per i semi ci sono diverse opzioni:

  • comprare i semi direttamente
  • utilizzare piantine già germogliate

Quando e come piantare

Ogni pianta ha il suo ritmo e ciclo vegetativo da seguire.

Per piantare in modo efficace sarà necessario mettere della ghiaia o perlite alla base, per poi riempire col terriccio a cui eventualmente mescolare del concime per ingrassare il terreno ed avere tutte le sostanze nutritive necessarie ad una crescita rigogliosa e prospera della vostra pianta.

Acquista su Amazon.it

Innaffiare e soleggiare

Per capire quando innaffiare sarà sufficiente osservare la vostra pianta:

  • se la terra è asciutta dovrete bagnarla, altrimenti no
  • se la pianta presenta foglie ingiallite e molli vuol dire che la state bagnando troppo o che qualche lombrico sta minando il vostro successo

Facile a dirsi un po’ meno a farsi.

Per distribuire correttamente l’acqua ed evitare buchi nel terreno, dovrete utilizzare vaporizzatori o annaffiatoi, facendo attenzione a non bagnare troppo le foglie.

Acquista su Amazon.it

Dall’osservazione della pianta possono essere riconosciuti eventuali parassiti o malattie. La soluzione ovvia e’ quella di soleggiare, ma farlo nel modo giusto non è scontato:

  • non lasciare piante troppo piccole sotto la diretta esposizione dei raggi cocenti, potreste trovarle seccate in men che non si dica
  • non esporre al sole le piante appena bagnate, perché potrebbero appassire; il momento ideale per innaffiare è alle prime luci del mattino

E’ proprio per questo che lo Xiaomi Smart Monitor Flower Care può venirci in soccorso !

Nel caso abbiate molti vasi su un balcone e dobbiate gestire dei periodi di assenza per le vacanze, vi consiglio di valutare una centralina irrigazione WiFi a batteria.

Cos’è lo Xiaomi Smart Plant Flower Care

Lo Xiaomi Smart Plant Flower Care e’ un dispositivo smart che va inserito nel terreno del vaso contenente la pianta che vogliamo tenere sotto osservazione e per cui riceveremo dei consigli per farla crescere al meglio.

Xiaomi-Smart-Plant-Flower-Care

Il dispositivo e’ dotato di quattro sensori in grado di misurare:

  • intensità luminosa (fino a 100.000 lux con un’accuratezza di 100 lux)
  • temperatura (risoluzione di 0,5 °C)
  • umidità
  • nutrienti del terreno (mediante sensori di conducibilità elettrica)
Xiaomi Smart Plant Flower Care

Lo Xiaomi Smart Plant Flower Care e’:

  • dotato di una batteria CR2032 che può durare fino ad un anno
  • resistente all’acqua con grado di protezione IP5 (getti d’acqua)
  • in grado di collegarsi ad uno smartphone via bluetooth

Possiamo dunque utilizzarlo nei vasi in casa ed in quelli all’esterno a patto che siano sufficientemente protetti dalla pioggia.

Unboxing Xiaomi Smart Plant Flower Care

Partiamo dalla confezione del nostro Xiaomi Smart Plant Flower Care:

Si possono osservare:

  • le due alette in alluminio di colore nero
  • i bottoni in acciaio inossidabile dei sensori di conducibilità elettrica
  • il LED sul corpo in plastica

Per quanto non perfettamente impermeabile, i materiali e la costruzione del dispositivo si presentano di ottima qualità.

Installazione Xiaomi Smart Plant Flower Care

Prima di conficcare lo Xiaomi Smart Plant Flower Care nel terreno occorre aprirne il guscio di plastica e rimuovere la linguetta protettiva in plastica: il dispositivo si attiva ed il LED comincia a lampeggiare.

Inserire ora il Flower Care nel terreno,avendo l’accortezza di lasciare un paio di centimetri delle alette nere fuori.

Installazione e configurazione app Flower Care

Dopo aver predisposto il dispositivo nel vaso, dobbiamo installare sullo smartphone l’app Flower Care, disponibile sia per Android che iOS. In alternativa potete utilizzare direttamente l’app Mi Home.

Il primo passo richiede la registrazione, mediante indirizzo di e-mail, di un profilo personale che consentirà successivamente di memorizzare tutte le informazioni e misure effettuate.

Possiamo ora associare il nostro dispositivo con l’app Flower Care, senza dimenticarci prima di aver attivato il bluetooth sullo smartphone:

Notate che l’operazione di accoppiamento del dispositivo si conclude con la scelta della specie di pianta che verrà monitorata utilizzando un database di oltre 3.000 piante diverse.

Una volta completata l’operazione, comincia la sincronizzazione del dispositivo con l’applicazione Flower Care.

Due punti di attenzione:

  • occorre utilizzare per la ricerca della pianta il nome in latino (nel mio esempio Fragaria vesca per le fragole)
  • lo smartphone deve essere in prossimità del sensore in quanto il collegamento avviene via bluetooth

Funzioni principali app Flower Care

Nella schermata principale dell’app Flower Care abbiamo:

  • elenco di tutti i dispositivi / piante associati
  • possibilità di sincronizzare tutti i dispositivi
  • possibilità di aggiungere un nuovo dispositivo
Xiaomi Smart Plant Flower Care

Tappando sul singolo dispositivo possiamo:

  • leggere le misure aggiornate in tempo reale della pianta
  • tappare sulla singola metrica singola per ottenere dei consigli specifici
  • accedere allo storico delle misure per vedere l’andamento della salute della nostra pianta

Conclusioni sullo Xiaomi Smart Plant Flower Care

Penso che chi e’ dotato di pollice nero ha, nello Xiaomi Smart Plant Flower Care, un valido aiutante per ritrovare il pollice verde smarrito, o che magari non sapeva nemmeno di avere !

Potrebbe interessarti anche:
Sonoff Mini WiFi Switch DIY | Guida completa in italiano

Sonoff Mini DIY | Guida in italiano con schema di collegamento

Scopri il nuovo deviatore WiFi Sonoff Mini DIY che consente, grazie all’app eWeLink, di controllare mediante smartphone, Alexa e Google Home qualsiasi carico elettrico supportando anche un interruttore, deviatore o relè esistente. La mia guida in italiano completa di schema di collegamento e confronto Sonoff Mini vs Shelly 1.

Leggi anche le mie guide a eWeLink e Sonoff con Alexa, Google Home e Sonoff IFTTT. Scopri l’alternativa Shelly 1.

Sonoff Mini WiFi Switch DIY

Il Sonoff Mini DIY e’ un deviatore WiFi che consente di controllare da remoto mediante l’app eWeLink un qualsiasi carico elettrico potendosi integrare anche con un interruttore, deviatore o relè esistente.

Le caratteristiche principali del Sonoff Mini WiFi Switch DIY sono le seguenti:

Controllo remoto da qualsiasi
luogo mediante smartphone di qualsiasi
carico elettrico
Controllo con interruttore esterno collegabile direttamente al dispositivo (anche deviatore esterno)
Controllo vocale mediante
Google Home e Alexa. Compatibile con IFTTT e Google Nest
Controllo via LAN in caso
di assenza di connessione internet
Collegamento dispositivo in rete
mediante WiFi a 2,4 GHz
Sincronizzazione stato del carico
elettrico in tempo reale su smartphone
Una scena esegue automaticamente
un'azione su più dispositivi in base ad un evento
Programmazione orari di accensione e spegnimento
Condivisione controllo e stato con altre personeRest API locali per integrazione diretta di sistemi di domotica senza utilizzo del cloud eWeLink.

Famiglia dei prodotti Sonoff

Nella famiglia Sonoff ci sono diversi modelli di interruttori WiFi tra cui scegliere in base a:

  • numero di carichi elettrici controllabili indipendentemente
  • potenza elettrica massima degli apparecchi elettrici comandati
  • possibilità di aggiungere un sensore esterno di temperatura ed umidità
  • misura dell’energia elettrica consumata dal carico elettrico controllato
  • utilizzo di un telecomando radio tradizionale per comandare i carichi elettrici, oltre allo smartphone
Modello#
Uscite
Corrente
Max (A)
Extra
Sonoff BasicBasic110EUR 5,99
Basic R3110DIYEUR 8,99
Sonoff MiniMini110DIY
MINI
EUR 6,28
Sonoff RFRF110EUR 12,59
Sonoff DualPow R2116EUR 17,88
Sonoff THTH10 / TH16110 / 16EUR 16,60
Sonoff DualDual216EUR 18,60
Sonoff 4CH Pro4CH Pro R2410EUR 32,99
Touch US12EUR 20,33
T1 US1-32EUR 22,87
Sonoff DualG1116Non disponibile

Tutti i dispositivi smart Itead permettono di controllare i nostri elettrodomestici di casa mediante WiFi. I dati sono scambiati dal device con l’app sul vostro smartphone attraverso l’uso di un server in cloud (su Amazon AWS):

Interruttore WiFi Sonoff TH10A e presa S20 Smart Socket

Nel caso abbiate configurato il vostro device in modalità DIY il collegamento avverrà invece per mezzo delle REST API locali come nel caso del Sonoff Basic R3:

Sonoff Basic R3 REST API

Unboxing Sonoff Mini WiFi Switch DIY

Partiamo dal contenuto della confezione del Sonoff Mini DIY:

  • Dispositivo vero e proprio
  • Jumper per impostare sulla scheda del Sonoff Mini WiFi Switch DIY la modalità DIY
  • Una guida di installazione sintetica che include anche la lingua italiana

Possiamo osservare meglio il fronte ed il retro del dispositivo dove e’ molto evidente l’antenna esterna:

Sintetizzando sul fronte del dispositivo abbiamo:

  • Indicatore LED WiFi (blu)
  • Indicatore LED acceso/spento (rosso)
  • Pulsante per configurazione / interruttore manuale
  • Morsetti a vite per il collegamento dei conduttori esterni
  • Antenna esterna
Sonoff Mini WiFi Switch DIY

Mediante un cacciavite piatto si può anche aprire il guscio in plastica esterno per osservare il circuito stampato:

Si vedono bene:

  • i pin, vicino al cavo d’antenna, dove montare il jumper del Sonoff Mini per attivare la modalità DIY
  • come l’uscita sia direttamente in corrente alternata e non un contatto pulito.

Infine e’ possibile apprezzare le misure estremamente ridotte del dispositivo:

  • consentono di montarlo ad incasso direttamente dentro una scatola 503 che contiene interruttori / deviatori esistenti

Sonoff Mini istruzioni italiano e schema collegamento elettrico con interruttore, deviatore e relè

Innanzi tutto osserviamo i morsetti a vite presenti sul Sonoff Mini:

  • due conduttori di ingresso (Input) per l’alimentazione del neutro (N In)
  • un conduttore di ingresso (Input) per l’alimentazione della fase (L In)
  • un conduttore di uscita (Output) per la fase (L In)
  • due conduttori di ingresso (Input) per il comando da un interruttore o deviatore esterno (S1 ed S2)

ATTENZIONE: i cavi di neutro sono comuni tra ingresso ed uscita, questo vuol dire che il contatto di uscita non fa altro che interrompere la fase dell’ingresso come in un interruttore unipolare: non e’ un contatto pulito ma un interruttore WiFi comandato mediante l’app eWeLink oppure tramite gli ingressi S1 ed S2.

Grazie ad eWeLink e’ possibile utilizzare il Sonoff Mini, oltreché come interruttore WiFi, anche come pulsante WiFi temporizzato grazie all’opzione variazione graduale o inching in cui il ritardo tra il comando di accensione e lo spegnimento automatico e’ configurabile tra 0,5 e 3.600 secondi (1 ora):

Passiamo finalmente a vedere lo schema elettrico di collegamento del Sonoff Mini nei casi seguenti:

  • Stand-alone (nessun comando elettrico esterno in ingresso)
  • Collegato ad un punto luce interrotto esistente
  • Collegato ad un punto luce deviato esistente
  • Collegato ad un punto luce a relè esistente
Sonoff Mini Stand-alone
Stand-alone
Sonoff Mini Punto luce interrotto
Punto luce interrotto
Sonoff Mini Punto luce deviato
Punto luce deviato
Sonoff Mini relè
Punto luce a relè

Vi prego di osservare che:

  • il device necessita sempre di essere alimentato con fase e neutro che potrebbero non essere sempre disponibili
  • questa soluzione con relè e’ l’unica, con dispositivi della famiglia ITead, in cui lo stato del carico controllato congiuntamente al relè e’ effettivamente disponibile sull’app eWeLink

Per approfondire leggete anche l’articolo su Sonoff relè.

Nel video seguente potete vedere il risultato davvero notevole poiché c’e’ il pieno controllo dello stato del carico elettrico indipendentemente dalla sorgente del comando (che sia da smartphone, interruttore esterno, device esterno o altoparlante intelligente):

Sonoff Mini ed eWeLink

Dopo aver completato il collegamento elettrico, potete passare alla configurazione dell’app eWeLink seguendo la consueta procedura comune a tutta la famiglia ITEAD che potete trovare nella mia guida a eWeLink.

Come riferimento un brevissimo video che mostra come lampeggia il LED in fase di associazione del dispositivo:

Vediamo anche le schermate principali dell’app eWeLink per la gestione del Sonoff Mini:

Google Home, Alexa ed IFTTT

Poiché non c’e’ differenza alcuna rispetto alla famiglia di dispositivi ITEAD, vi rimando alla lettura dell mie guide di riferimento: Google Home, Alexa e IFTTT.

Potrebbe interessarti anche:
BTicino Living Now

Living Now Smart Home BTicino: recensione completa

Vuoi rendere la tua abitazione domotica con una serie civile dal design raffinato affidandoti alla qualità di un’azienda europea ? La mia recensione completa su Living Now Smart Home BTicino.

Puoi anche scoprire delle soluzioni alternative a basso costo come Sonoff Touch e T1, Jinvoo Smart e Shelly 1.

Impianto elettrico con Living Now Smart Home BTicino

Grazie a Living Now e’ possibile comandare l’impianto elettrico mediante lo smartphone o la voce mediante Alexa, Google Home e Siri trasformato la tua casa in una Smart Home BTicino.

L’innovazione fondamentale e’ l’estrema flessibilità nell’installazione:

BTicino Living Now
  • Puo’ essere montato in scatole standard
  • Il cablaggio e’ quello tradizionale
  • Adatto sia a nuovi impianti che ristrutturazioni di impianti esistenti

Come si vede c’e’ una separazione netta tra parte estetica e parte funzionale a differenza di molti altri prodotti di fascia inferiore.

Funzionalità Living Now Smart Home BTicino

Vediamo quali sono le funzionalità principali:

Comando generale
Comando generale

Accendere tutte le luci o abbassare tutte le tapparelle con un clic.

Comando con smartphone
Comando con smartphone

Mediante l’app Home+Control, disponibile per Android ed iOS, ovunque ti trovi.

Comando vocale
Comando vocale

Mediante il pieno supporto di Alexa, Google Home e Siri.

Comando wireless
Comando wireless

Possibilità di aggiungere comandi wireless applicabili ovunque.

Controllo consumi
Controllo consumi

Monitoraggio dei consumi elettrici.

Notifiche
Notifiche

Allarmi su smartphone in caso di guasti o sovraccarico.

Il centro di controllo e’ nell’app Home+Control:

Grazie ai servizi in cloud c’e’ il pieno supporto ad Alexa, Google Home, Apple Homekit ed IFTTT.

Installazione Living Now Smart Home BTicino

Il cuore del sistema e’ costituito dal gateway K4500C che assicura:

  • il collegamento dell’impianto ai servizi in cloud BTicino mediante il router WiFi di casa
  • il collegamento wireless tra tutti gli elementi del sistema mediante il protocollo ZigBee
BTicino Living Now

L’installazione dei dispositivi connessi e’ analoga a quelli tradizionali, se non per l’accortezza che devono essere sempre alimentati mediante fase e neutro per garantirne il funzionamento. Nello schema elettrico seguente un esempio di punto luce deviato:

BTicino Living Now

Potete approfondire ulteriore seguendo questa ricca playlist di video della BTicino:

Gamma di prodotti Living Now Smart Home BTicino

La gamma dei prodotti disponibili e’ davvero ampia e mostra chiaramente come si possa ottenere un impianto elettrico domotico completo rispetto a soluzioni singole per esigenze singole (come ad esempio Sonoff o Shelly).

Comando scenari

Acquista su Amazon.it

Interruttore luce e tapparelle wireless BTicino

Prese e controllo consumi elettrici

Acquista su Amazon.it

Termostato

Starter Kit Living Now Smart Home BTicino

Per cominciare sono disponibili degli Starter Kit che includono sempre il gateway K4500C di collegamento:

  • Starter kit K1000KIT: 3 deviatori, 2 relè e 2 prese energia connessi con la misura dei consumi di tutto l’impianto
  • Starter kit tapparelle K2000KIT: gestione di 5 tapparelle
  • Starter kit nuova deviata K3000KIT: 5 deviatori e 2 prese energia connessi con la misura dei consumi di tutto l’impianto.

Acquista su Amazon.it

Potrebbe interessarti anche:
Telecamera 4G a batteria: Arlo Go vs Reolink Go vs EZVIZ C3A WLB

Telecamera con SIM 4G a batteria: Arlo Go vs Reolink Go vs EZVIZ

Vuoi sorvegliare un luogo privo di alimentazione elettrica e connessione internet ? La soluzione e’ una telecamera con SIM 4G LTE a batteria con pannello solare opzionale come Arlo Go vs Reolink Go vs EZVIZ C3A WLB. Recensione completa incluso calcolo di quanti Giga consuma.

Leggi anche i miei articoli sulle telecamere WiFi a batteria, telecamera Lemnoi A3, telecamere Arlo e la guida a YYP2P.

Se sei interessato alla sicurezza del tuo veicolo leggi GPS tracker auto e Dash Cam 4K Full HD.

Telecamera con SIM 4G LTE a batteria e pannello solare Arlo Go

Partiamo la nostra recensione dalla Netgear Arlo Go, che ha di fatto creato il mercato qualche anno fa:

Le caratteristiche principali della Arlo Go sono le seguenti:

Arlo Go100% senza caviArlo GoConnessione wireless 4G LTE
Arlo GoImpermeabile (IP65)Arlo GoHD 720p
Arlo GoAngolo visione 130°Arlo GoBatteria ricaricabile 3.660 mAh
Arlo GoAudio bidirezionaleArlo GoRilevazione avanzata movimenti
Arlo GoVisione notturnaArlo GoArchiviazione cloud
Arlo GoBackup localeArlo GoCompatibile con Alexa, Google Home ed IFTTT

La gestione della telecamera con SIM 4G LTE a batteria Arlo Go avviene mediante l’App Arlo, disponibile per Android ed iOS.

Arlo Go App

Tra gli accessori della telecamera con SIM 4G Arlo Go e’ disponibile un pannello solare fotovoltaico per evitare / ridurre la necessita’ di ricarica della batteria.

Passiamo ora al confronto Arlo Go vs Reolink Go.

Telecamera con SIM 4G LTE a batteria e pannello solare Reolink Go

La telecamera con SIM 4G a batteria Reolink Go e’ un’altra soluzione perfetta per la sorveglianza di magazzini, cantieri, case di campagna, fattorie, camper, barche.

Vediamo quali sono le principali differenze nelle caratteristiche della Reolink Go rispetto alla Arlo Go:

  • Video Full HD 1080p
  • Batteria ricaricabile da 7.800 mAh
  • Angolo visione 110°
  • Notifiche vocali configurabili

La risoluzione video e la capacita’ della batteria ricaricabile rendono la Reolink Go un modello di telecamera con SIM 4G a batteria con scelta preferenziale.

Anche in questo caso e’ disponibile come accessorio della telecamera con SIM 4G un pannello solare.

Abbiamo completato il confronto Reolink Go vs Arlo Go e passiamo a prendere in considerazione l’outsider EZVIZ.

Telecamera con SIM 4G LTE a batteria EZVIZ C3A + WLB

Passiamo ala soluzione più recente, che e’ la combinazione di due prodotti: la telecamera wireless EZVIZ C3A con la stazione base WLB:

Telecamera 4G a batteria EZVIZ C3A + WLB
Telecamera a batteria EZVIZ C3A + WLB

La telecamera EZVIZ C3A e’ una tipica telecamera wireless che può collegarsi ad un router WiFi oppure ad una stazione base.

Vediamo le caratteristiche che differenziano la EZVIZ C3A rispetto alla Arlo Go:

  • Video Full HD 1080p
  • Batteria ricaricabile 5.500 mAh
  • Angolo visione 126°

La stazione base EZVIZ WLB ha le funzionalità seguenti:

EZVIZ C3A + WLB
  • Supporto micro-SIM 4G LTE
  • Batteria ricaricabile al litio da 2.600 mAh
  • Sirena integrata da 100 dB
  • Supporto fino a 6 telecamere EZVIZ C3A
  • Connessione ethernet al router di casa
  • Access point WiFi fino a client

In questa modalità la stazione base WLB estende la capacita’ della batteria della telecamera EZVIZ C3A e si adatta a scenari ibridi di connettività per coprire con più telecamere un’area o edificio.

Chi ha vinto la sfida Arlo Go vs Reolink Go vs EZVIZ ?

Arlo Go vs Reolink Go vs EZVIZ: quanti Giga consuma una telecamera di videosorveglianza ?

Prima di decidere l’acquisto, e’ importante sapere quanti Giga consuma una telecamera con SIM 4G LTE e di conseguenza quale piano dovrà avere la SIM utilizzata.

Ovviamente non c’e’ una risposta unica, poiche’ il consumo di dati sara’ dipendente da:

  • Risoluzione video effettiva utilizzata
  • Frequenza di registrazione
  • Durata della registrazione

Possiamo comunque fare qualche simulazione utilizzando le caratteristiche della Arlo Go (risoluzione video massima 720p) e della Reolink Go (1080p massimi):

 RisoluzioneBanda (kbps)10 ore/mese20 ore/mese50 ore/mese
Arlo GoBest Video6002,5 GB/mese5,0 GB/mese12,6 GB/mese
Optimized3001,3 GB/mese2,5 GB/mese6,3 GB/mese
Best Battery Life2000,8 GB/mese1,7 GB/mese4,2 GB/mese
Reolink GoClear Mode1.5006,3 GB/mese12,6 GB/mese31,4 GB/mese
Fluent Mode1600,7 GB/mese1,3 GB/mese3,4 GB/mese
Potrebbe interessarti anche:
Centralina irrigazione WiFi a batteria Orbit B-Hyve 94990 vs Eve Aqua

Orbit B-Hyve 94990 centralina irrigazione WiFi a batteria

Hai bisogno di una centralina irrigazione WiFi a batteria con comando remoto mediante smartphone ? Scopri i kit irrigazione WiFi Orbit B-Hyve 94990 e 94995 vs Eve Aqua nella mia recensione.

Puoi approfondire altri sistemi di irrigazione domotica leggendo i miei articoli sulla migliore centralina irrigazione WiFi e su Sonoff irrigazione.

Tipologie di sistemi di irrigazione

Che abitiate in un appartamento con terrazzo o balcone oppure in una villetta con giardino ed orto, per avere piante, fiori, tappeto erboso ed orto splendidi il punto cruciale e’ garantirne la corretta irrigazione, anche quando siete in vacanza.

I sistemi di irrigazione cadono nelle tipologie seguenti:

  • fuori terra: è il modo più semplice di annaffiare le piante ed il prato, collegando un tubo a un rubinetto e distribuendo l’acqua con una lancia o una pistola
  • a goccia: consente di somministrare ad ogni singola pianta la giusta quantità d’acqua, all’orario desiderato: una soluzione ideale per tutte le piante in vaso, per le aiuole ed anche per l’orto
  • interrata: è il sistema più comodo ed efficace per annaffiare il prato ed il giardino, negli orari migliori e con la giusta quantità d’acqua

In tutti i casi la differenza sta nella centralina irrigazione che comanda i giusti quantitativi d’acqua. Nel caso di irrigazione fuori terra ed a goccia, vi consiglio di valutare l’adozione di una centralina irrigazione WiFi a batteria da inserire semplicemente tra rubinetto e tubo come i kit irrigazione WiFi recensiti in questo articolo.

Orbit B-Hyve 94990 e 94995 centralina irrigazione WiFi a batteria

La centralina irrigazione WiFi a batteria Orbit B-Hyve 94990 e 94995 trasforma il tuo rubinetto con tubo in un impianto di irrigazione domotica con gestione remota mediante smartphone:

Centralina irrigazione WiFi a batteria Orbit B-Hyve 94990

L’Orbit B-Hyve 94990 e 94995 e’ contraddistinto dalle caratteristiche seguenti:

Installazione facile
Basta collegare l'irrigatore smart a rubinetto e tubo, installare l'app su smartphone e creare un account B-Hyve
Lunga durata batterie
Le due batterie di tipo AA assicurano una durata di funzionamento molto estesa.
Copertura estesa
L'utilizzo del Bluetooth 4.0 permette il collegamento fino a 50 metri di distanza
Irrigazione manuale
Non hai lo smartphone a portata di mano ? Con la semplice pressione del pulsante sul dispositivo puoi irrigare all'istante.

La differenza tra il modello Orbit 94990 e 94995 consiste nel fatto che il primo e’ un kit irrigazione WiFi che include sia centralina che hub WiFi, mentre il secondo e’ semplicemente una centralina aggiuntiva senza hub.

Centralina irrigazione WiFi a batteria Orbit B-Hyve 94990 e 94995: app B-Hyve

Grazie all’app B-Hyve, disponibile sia per Android che iOS, puoi controllare il kit irrigazione WiFi Orbit B-Hyve 94990 e 94995 ovunque ti trovi con lo smartphone disponendo di un irrigatore davvero smart:

Orbit B-Hyve App
B-Hyve App

Le funzionalità principali dell’app B-Hyve, comune a tutta la famiglia di irrigatori smart Orbit, sono le seguenti:

Notifiche
Ricevi notifiche in tempo reale sullo smartphone per sapere cosa sta facendo la tua centralina irrigazione.
Report
Puoi vedere quanta acqua hai utilizzato, quando hai irrigato e quanto hai risparmiato
Programmazione
Risparmia acqua utilizzando l'irrigazione intelligente, programmazione personalizzata o una combinazione di entrambe
Gestione multi utente
Decidi chi può accedere al controllo dell'irrigatore mediante un unico account
Monitoraggio meteo
B-hyve monitora le condizioni meteo, ritardando l'irrigazione se necessario.
WiFi
Controlli la tua centralina irrigazione ovunque ti trovi ricevendo aggiornamenti istantanei sull'irrigazione
Compatibile Google Home
Solo in lingua inglese
Compatibile Alexa
Solo in lingua inglese

Come riferimento potete vedere le schermate principali di B-Hyve App:

Kit irrigazione WiFi Orbit B-Hyve 94990 e 94995: hub WiFi

Per poter utilizzare appieno tutte le funzioni dell’app B-Hyve che richiedono i servizi in cloud, come notifiche e modifica irrigazione in base al occorre abilitare il collegamento ad internet tramite il router WiFi di casa dell’irrigatore smart mediante l’hub WiFi:

Centralina irrigazione WiFi a batteria Orbit B-Hyve 94990 WiFi Hub
WiFi hub

Lo schema di funzionamento e’ il seguente:

Centralina irrigazione WiFi a batteria Orbit B-Hyve 94990 + WiFi Hub
Schema funzionamento kit irrigazione WiFi Orbit

Come la maggior parte dei dispositivi di domotica e’ supportato solamente il WiFi a 2,4 GHz.

Installazione e configurazione Orbit B-Hyve 94990 e 94995

La procedura di installazione e configurazione e’ davvero semplice come illustrato in questa guida video (in lingua inglese):

Centralina irrigazione WiFi a batteria Eve Aqua

Se siete amanti del mondo Apple, un’ottimo kit irrigazione WiFi e’ Eve Aqua:

Eve Aqua
Kit irrigazione WiFi Eve Aqua
Potrebbe interessarti anche:
Domotica Apple HomeKit: striscia LED, prese intelligenti, termostato, interruttore

Domotica Apple HomeKit: termostato, striscia LED, prese intelligenti, interruttore

La domotica Apple e’ una soluzione che rende la nostra casa intelligente grazie alla possibilità di controllare da un unico punto dispositivi smart. Scopri i migliori prodotti compatibili HomeKit: termostato striscia LED, lampadine, prese intelligenti e interruttore di tado, Fibaro, Koogeek, Netatmo, Philips Hue, Elgato Eve.

Domotica Apple HomeKit: cos’è e come funziona

Con questo sistema potete controllare tutti i tuoi dispositivi intelligenti. E’ possibile regolare grazie ad HomeKit termostato, luci, serrature collocati in diverse stanze creando un ambiente confortevole con un semplice tap sul vostro iPhone.

HomeKit App Casa

La gestione può anche avvenire da remoto mentre non siete in casa e naturalmente attraverso la voce mediante Siri.

L’ecosistema viene gestito attraverso l’app Casa che consente di impostare e controllare tutti i dispositivi compatibili HomeKit.

Dispositivi compatibili HomeKit

I dispositivi smart compatibili si riconoscono dall’apposito omonimo logo:

Works with Apple HomeKit

Quando siete in casa e’ sufficiente utilizzare l’app Casa dal vostro iPhone che si collegherà ai vostri dispositivi intelligenti direttamente via Bluetooth oppure attraverso la rete WiFi di casa.

Mentre siete fuori casa invece, e’ necessario che sia presente nell’abitazione un gateway collegato ad internet che può essere rispettivamente:

  • una Apple TV di quarta generazione con tvOS 10
  • un altoparlante intelligente HomePod
  • un iPad (con almeno iOS 10)

Domotica Apple HomeKit: dispositivi compatibili

Possiamo ora approfondire i principali dispositivi intelligenti compatibili con l’ecosistema di domotica Apple HomeKit che possiamo utilizzare nella nostra casa per renderla intelligente:

  • striscia LED, luci e lampadine
  • interruttore e prese intelligenti
  • termostato
  • sensori
  • serrature, antifurto e videocamere

Mi preme evidenziare tre aziende che si sono specializzate nel produrre un’ampia gamma di dispositivi smart compatibili:

Domotica Apple HomeKit: striscia LED, luci e lampadine

Per approfondire leggi anche i miei articoli sulle lampadine WiFi e Zigbee e su Philips Hue.

Acquista su Amazon.it

Domotica Apple HomeKit: prese intelligenti e interruttore

Per approfondire leggi il mio articolo sulle prese elettriche intelligenti.

Termostato HomeKit

Scopri quale termostato HomeKit scegliere nel mio articolo sul miglior termostato WiFi.

Sensori compatibili

Puoi approfondire col mio articolo sui sensori di movimento WiFi e Zigbee e sui misuratori di qualità dell’aria.

Serrature e videocamere compatibili

Approfondisci con la mia guida alle serrature WiFi.

Stazioni meteo compatibili

Centraline irrigazione smart compatibili

Puoi approfondire con al mia guida alle centraline irrigazione WiFi.

Potrebbe interessarti anche: