Pompa di calore Rotex HPSU Compact: backup-heater

Pompa di calore Rotex HPSU Compact: backup-heater

Un componente fondamentale per tranquillizzare chi sta scegliendo per la prima volta una pompe di calore e’ la possibilità di disporre di una fonte di calore integrativa in caso di grande freddo. Quasi tutte le pompa di calore, anche la mia pompa di calore Rotex HPSU Compact, forniscono come opzione una resistenza elettrica in grado di integrarsi nel funzionamento.

Ovviamente una resistenza elettrica funziona come fonte integrativa solo in presenza di alimentazione elettrica: quindi non e’ una fonte alternativa in caso di black-out.

La pompa di calore Rotex HPSU Compact dispone di un backup-heater:

Pompa di calore Rotex HPSU Compact: backup-heater



L’installazione del backup-heater avviene dentro l’unita’ interna per immersione nel bollitore:

Pompa di calore Rotex HPSU Compact: backup-heater

La cooperazione del backup-heater col funzionamento della pompa di calore Rotex HPSU Compact, sia ad integrazione della produzione di acqua calda sanitaria che in modalità riscaldamento, avviene tramite  l’acqua del bollitore (20) e le serpentine scambiatrici di calore (12, 13) e controllate delle valvole a 3 vie (3UVB1 e 3UV DHW).

I tagli di potenza disponibili per il backup-heater sono tre:

  • 1 kW (BUH1)
  • 3 kW (BUH3)
  • 9 kW (BU9c)

Nel caso di dubbi sulla potenza del backup-heater installato dentro la nostra pompa di calore Rotex HPSU Compact, basta aprire il coperchio dell’unita’ interna e leggere l’etichetta sulla base della resistenza.

Pompa di calore Rotex HPSU Compact: backup-heater

Ovviamente la potenza del backup-heater determina la capacita’ relativa di integrazione della potenza termica.

Nella pratica vuol dire che una resistenza integrativa troppo piccola potrebbe non essere particolarmente d’aiuto.

Vediamo ora quali sono le modalità di uso possibili, cercando di fare chiarezza su uno degli argomenti peggio documentati sui manuali di prodotto.


Sbrinamento

La pompa di calore Rotex HPSU Compact, come la maggior parte delle marche in commercio, effettua gli sbrinamenti invertendo il ciclo di funzionamento ma ha la particolarità di prelevare il calore necessario dall’accumulo termico. In realtà il prelievo potrebbe anche avvenire dal pavimento radiante ma solo quando le temperature di mandata siano superiori ad una soglia che nel mio impianto non riscontro normalmente.

In caso di forte o prolungato freddo, si può arrivare alla alla situazione paradossale in cui i continui sbrinamenti richiesti dall’unita’ esterna portino a frequenti cicli di integrazione dell’accumulo termico che a loro volta aumentano gli sbrinamenti.

Il backup-heater invece, se presente e configurato, interviene sempre durante il ciclo di sbrinamento contribuendo alla produzione di calore facendo in modo che la temperatura dell’accumulo non scenda troppo. Quindi ottimo comportamento !

Integrazione Riscaldamento

In presenza di determinate condizioni (non documentate) in cui la pompa di calore Rotex HPSU Compect ritenga che la sola unita’ esterna non ce la possa fare da sola, la resistenza può intervenire contribuendo al riscaldamento per un massimo di circa 12 minuti.

Questo comportamento e’ configurabile in modo che avvenga sempre (Equilibrium Func. = Off) oppure solo quando la temperatura esterna scende sotto un set-point impostabile (Equilibrium Func. = On; Temp. di bivalenza).

Questa opzione e’ nuovamente molto interessante perché può servire a ridurre l’occorrenza di sbrinamenti limitando i picchi di potenza termica che facilitano il congelamento dello scambiatore esterno.

A titolo esemplificativo un grafico con gli assorbimenti della mia pompa di calore Rotex HPSU Compact quando interviene la resistenza (per una decina di minuti):
1478948006

Integrazione produzione acqua calda sanitaria

Questo e’ il funzionamento più standard, che serve anche a superare i limiti di funzionamento della pompa di calore Rotex HPSU Compact.

In questo caso la resistenza interviene se, dopo un certo tempo configurabile (Attesa BOH), il set-point di temperatura dell’accumulo (T-ACS nom x) non sia stato raggiunto.

Consiglio di mettere questo tempo alto a piacere in modo che la resistenza normalmente non intervenga, visto che la sua efficienza energetica e’ pari ad 1 rispetto ad un COP della pompa di calore intorno a 3.


Parametri configurazione Rotex HPSU Compact

Parametro  Valore  Descrizione
BUH s1 power 1 kW
3 kW
9 kW
Potenza resistenza elettrica
BUH s1 power 1 kW
3 kW
9 kW
Potenza resistenza elettrica
Function Heating Rod (*) 0: Nessun WEZ aggiuntivo
1: Backup-Heater opzionale
2: WEZ alternativo per le funzioni approntamento di acqua calda e sostegno al riscaldamento
3: WEZ 1 alternativo per la funzione approntamento di acqua calda e WEZ 2 alternativo per la funzione sostegno al riscaldamento
Attivazione della resistenza.

Con BUH1 o BUH3 selezionare 2.

 Equilibrium Func. Off: integrazione al riscaldamento sempre attiva
On: integrazione al riscaldamento solo se temperatura esterna inferiore a quella di bivalenza 
Temp. di bivalenza 6 °C Set-point temperatura esterna per attivazione integrazione al riscaldamento
Attesa BOH 75 min Tempo oltre il quale la resistenza, se attiva, interviene in integrazione se non e’ ancora stato raggiunto il set-point ACS
(*) questa configurazione e’ documentata nel manuale “Daikin Altherma integrated solar unit – Manuale di installazione e di esercizio” aggiornamento Feb-16 al paragrafo “4.5.13 Collegamento Daikin Backup-Heater elettrico (EKBUxx)”.

Buona resistenza a tutti !

Articoli da non perdere


Pompa di calore Rotex HPSU Compact: backup-heater ultima modifica: 2016-11-24T15:04:51+00:00 da La mia Casa Elettrica
Potrebbe interessarti anche

9 pensieri su “Pompa di calore Rotex HPSU Compact: backup-heater

  1. Defollouato (@defollouato)

    Ciao Emiliano e ovviamente sinceri complimenti per il blog ricco di approfondimenti. Ho seguito il tuo esempio ed ho limitato la potenza della resistenza elettrica ad 1 kW anziché tenerla a 3 kW per contenere i consumi. Mi chiedevo come mai nella configurazione Function Heating Rod del riscaldatore suggerisci di mettere il parametro 2 invece del parametro 1? Grazie mille

    Rispondi
  2. Defollouato (@defollouato)

    L’ho letto e riletto ma probabilmente lo interpreto male: se 0 equivale a dire che non c’è nessun riscaldatore aggiuntivo, 2 utilizza il WEZ a supporto di acs e riscaldamento a che serve il n 1? Il 3 mi sembra di capire che si possano utilizzare due riscaldatori differenti per usi diversi. Grazie

    Rispondi
  3. Defollouato (@defollouato)

    Buona domenica, mi sono letto un bel po’ di pagine del forum cercaenergia, ho visto che anche voi ne avete discusso parecchio a novembre di questo parametro. Come mai la scelta è ricaduta su 2?
    il manuale che mi suggerisci di leggere dove lo reperisco?

    Rispondi
    1. La mia Casa Elettrica

      Questa configurazione e’ documentata nel manuale “Daikin Altherma integrated solar unit – Manuale di installazione e di esercizio” aggiornamento Feb-16 al paragrafo “4.5.13 Collegamento Daikin Backup-Heater elettrico (EKBUxx)”.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *